Basket, B1/f: Rainbow-Sea 63-60

La Rainbow vince con la Sea Servizi, ma non convince.

Rainbow-Sea 63-60
PalaCus di Catania, 30 novembre, 16:00

Rainbow Catania: Pugliesi 5, Fabbri 21, Chimenz 3, Cabibbo 12, Adorni 13, Ferito, Felice 9, Messin n.e., Saporito n.e., Grosso n.e. All. Proietto
Sea Servizi Caserta: Sole 9, Russo 15, Correra 8, Campolattano 10, Nuzzo 5, Bargigli 9, Aversano 4. All. Palazzino
Arbitri: Centorino (ME) Simone (RC)
Parziali: 13/9 31/28 42/44 63/60

Sbarcano in Sicilia in 7 le ragazze della Sea Servizi Caserta di Coach Palazzino, ma non conditio sine qua non per scendere sul parquet intimidite o intimorite dalla differenza di numero con le catanesi, padrone di casa invece al completo. Partono col piede premuto sullacceleratore gi al massimo le campane dando subito un parziale di 5 a 0 alla Rainbow, che non si presenta bene. Sembra infatti la solita partita insapore fino alla fine del primo quarto, dal punteggio basso e dallatteggiamento poco convinto. Puglisi, Fabbri, Adorni, Cabibbo e Felice sono le 5 del quintetto, opposte a Sole, Russo, Correra, Campolattano e Bargigli. Dal secondo quarto il gioco si velocizza, sia da un lato che dallaltro del campo. Si tira tanto, si prendono rimbalzi, si lanciano contropiedi. In regia c una bella lotta tra Fabbri e la brava Sole, gladiatrici del match. Lemiliana ha la meglio nelluno contro uno, subisce un gran numero di falli, recupera un discreto numero di palle, centra 2 bombe, esce dal campo top scorer con 21 punti e lancia a canestro nella migliore delle maniere Cabibbo, anche lei in raddoppio dalla linea da tre e che da dentro la lunetta fa del suo meglio collezionando 12 punti totali; Felice, essenziale soprattutto ai liberi, e poi Adorni con 13 punti nel suo bottino finale, e un apporto fondamentale sotto le plance, soprattutto nei rimbalzi difensivi. Il primo arbitro Simone fischia la fine del secondo tempino e manda le squadre negli spogliatoi sul 31/28 per le rossoazzure. Al rientro si inverte la corrente, e la Sea Servizi sembra addirittura prendere in mano le redini della partita, trasformando le eccessive palle perse della Rainbow in canestri realizzati con fin troppa facilit, penetrando una difesa catanese che non sembra opporre nessuna resistenza importante. Festival delle palle perse e degli errori al tiro, poco pressing, Chimenz e Puglisi particolarmente sotto tono portano la squadra di casa al cambio di tempo tra terzo e quarto sul 42/44 a favore della compagine ospite, gasatissima per la rimonta, oltre che motivata a tentare il colpaccio con una delle corazzate del campionato. Lultimo tempo sembra non finire mai per la Raimbow. Coach Proietto cerca di caricare le proprie ragazze che non hanno la determinazione e la cattiveria di sempre, coadiuvato dalla panchina. La percentuale al tiro sullo scout sempre pi evidentemente bassa: errori sia da tre che da due non permettono alla squadra di casa di effettuare il sorpasso, anche se la difesa cresce. Si arriva al traguardo punto a punto, e nonostante il tifo da gran finale, le rossoazzurre rischiano di procurare un gran danno alla loro classifica. Ma domenica la Dea della Fortuna ha strizzato locchio alle padroni di casa permettendo loro di portare a casa il risultato, e di raggiungere il secondo posto con 14 punti, subito dopo le due capoliste che ne hanno entrambe 18.

La Rainbow ha ora da affrontare due settimane di fuoco in cui praticamente proibito sbagliare. Si va Sabato 6 Dicembre a Pozzuoli; Mercoled in casa big match, manco a dirlo, contro Termini Imprese di coach Scimeca, per un super scontro diretto, per poi tornare in campo sempre davanti al proprio pubblico domenica prossima per il derby col Palermo, e per finire poi con un altro scontro diretto contro laltra temibilissima Carpedil Battipaglia.

Addetto stampa
Maria Luisa Lanzerotti

2 Commenti

Leave a Reply

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*