C2: Gad Etna-Gravina 71-90

Uno scarto troppo severo… Gad, regia in difficolt, Borz e Caltabiano positivi… Cavazza, spettacolo da categoria superiore… Barbera e Gulinello grandi… Gravina sempre in vantaggio…

testata

Gad Etna-Gravina 71-90
Leonardo da Vinci di Catania, 19 dicembre, 17:30

Gad Etna Catania: Anselmi 9, Costantino, Borzì 12, Testa 3, Cavalli 2, Pennisi © 5, Mauceri 8, Pardo 4, Caltabiano 13, Distefano 6, Licandro 6, Saccà 3. All.: Guadalupi.
Sport Club Gravina: Cavazza © 29, Patti 2, Gulinello 17, Marletta 9, Barbera 19, Crimi 4, Russo, Minardi 3, Paglia, La Mantia 6, Lino 1. All.: Morelli.
Arbitri:
 Alcoraci e Comito di Priolo Gargallo.
Parziali: 19-24, 14-22; 22-17, 16-27.

I tempi grami sembrano un lontano ricordo per il Gravina. Sostenuta dal folto pubblico, la squadra di Gianfranco Morelli vince nettamente il derby con il Gad Etna, con uno scarto però troppo severo. Il Gad Etna riesce a giocare, soprattutto con Stefano Caltabiano e un ispirato Antonio Borzì, che prende tanti falli e molti rimbalzi, ma sbaglia troppi liberi, tuttavia ha qualche problema sugli esterni (i play sono stati meno brillanti del solito e Pennisi è mancato al tiro da tre) e in difesa non riesce minimamente a contenere i tre topscorer: Cavazza, Gulinello e Barbera.

Senza l’infortunato Indiogine a dargli il cambio, Davide Cavazza, il capitano, si esibisce in uno spettacolo da categoria superiore: segna in penetrazione, da tre o dalla media distanza, marcato o solo, in terzo tempo o in sospensione… Gli si dovrebbe far la multa per alta velocità, ma è generoso quanto basta per perdonarlo. Lo ringraziano Gianluca Barbera, con cui ha un’intesa perfetta, e Salvo Gulinello, capace di catalizzare su di sé i falli e poi trasformarli in punti dalla lunetta (ben 8 punti su 17!). Cavazza è anche ben supportato da Antonio Marletta e Giuliano La Mantia, che disputano una buona partita, ma non da Minardi e Patti, che finiscono anzitempo fuori per aver raggiunto i cinque falli e non tengono Borzì, Testa, Distefano e Caltabiano.

La partita, mai scontata, è condotta sin dalle prime battute dal Gravina. Si gioca a viso aperto soprattutto nel terzo periodo, quando il Gad smette di subire e inizia a rimontare. Ma non arriva a ribaltare il risultato, anche perché negli ultimi dieci minuti segna quattro volte dal campo, mentre il Gravina prende il largo con una tripla di Cavazza e una di Barbera. I protagonisti assoluti.

Roberto Quartarone

2 Trackbacks / Pingbacks

  1. CORRIDOIO, porte d'interferenza » Salto a due – 17a settimana
  2. CORRIDOIO, porte d'interferenza » Salto a due – 17a settimana

I commenti sono bloccati.