Catania e Acireale verificano il budget

La situazione delle due società che partecipano ai campionati nazionali… Già tante rinunce in Serie B e Serie C… La Sicilverde rimane come abbinamento…

Da ciò che si legge in giro, si preannuncia un’estate caldissima e piena di rinunce per il basket nazionale. Nel Girone D di Serie B Dil., Foggia ha venduto il titolo a Campobasso, la neopromossa Battipaglia l’ha ceduto a Napoli, mentre Reggio e Gioia tentano la sinergia per salvare il basket nella città calabrese. Nel Girone H di Serie C Dil., Pianopoli, Rosarno e Audax sono a rischio rinuncia, il Cocuzza non si iscriverà e vuole ripartire dalla C2, si dice che anche Alcamo e Acireale siano in bilico.

Nessuno quindi vuole fare il passo più lungo della gamba, ci si muove con circospezione soprattutto per quantificare il budget con cui ci si va a presentare ai campionati nazionali, sempre più costosi in un periodo in cui la crisi economica si fa sentire sull’attività delle società dilettantistiche. È per questo che ancora la Pallacanestro Catania non ha ufficializzato alcun acquisto o conferma. L’anno scorso già erano sicuri l’allenatore e vari giocatori, al momento l’unica notizia ufficiale è il ritorno di Reale al Cañada de Gómez. Su “La Sicilia” si parla di interessamenti per Alessandro Agosta e Gigi Russo, dell’incertezza sulla guida tecnica e sulle conferme, ma niente di concreto.

«Stiamo ancora verificando il budget – conferma il presidente Costantino Condorelli –, valutiamo quali saranno le disponibilità degli sponsor che finora ci hanno sostenuto. Nei prossimi giorni si saprà di più».

Il quotidiano parlava anche delle difficoltà di Acireale, con Melilli possibile interessata al titolo di C Dil. Tomas Di Dio è già finito a Capo d’Orlando in Serie B, manca poco alla firma di Gabriele Vitale per Gela, che segue anche Casiraghi e Russo. Prima di parlare del roster, comunque, il Basket Acireale deve perfezionare l’iscrizione.

«Come il 95% delle società stiamo decidendo se proseguire o meno – spiega Paolo Panebianco, presidente del Basket Acireale –. Le decisioni che hanno preso la Fip e la Lega mettono in ambasce le società, che rischiano ora di non iscriversi, a causa dei parametri e delle fidejussioni. Stiamo lavorando per fare il campionato e confidiamo di farlo, ma vogliamo assicurare una gestione corretta, rispettando gli impegni presi come abbiamo fatto per 25 anni; non vogliamo cioè iniziare senza essere sicuri di portare a termine la stagione. La Sicilverde dovrebbe rimanere come abbinamento, ma non basta per affrontare questo campionato. Al momento l’ipotesi della rinuncia alla Serie C è remota e se dovessimo percorrerla non verrebbe comunque meno l’impegno nel settore giovanile».

Il 7 luglio si chiudono le iscrizioni a Serie A, B e C Dil. A quel punto, capiremo che stagione ci attende. Anche iscritte, però, tutte le squadre dovranno mettere un maggior impegno economico se non intendono puntare alla promozione: con l’aumento del numero delle retrocessioni salvarsi non sarà tanto facile come lo scorso anno.

Roberto Quartarone

5 Trackbacks / Pingbacks

  1. Panebianco: «Non smobilitiamo» - Basket Catanese
  2. Ecco i gironi dei campionati nazionali - Basket Catanese
  3. Acireale, primi movimenti - Basket Catanese
  4. Acireale, primi movimenti | CORRIDOIO porte d'interferenza
  5. Catania, venti di crisi - Basket Catanese

I commenti sono bloccati.