«

»

Gambino show, Rainbow batte S. Matteo ma saluta Salvo Coppa

56-40 il punteggio finale del PalaGalermo… La squadra riscatta la sconfitta contro il Verga Palermo… Bene la catanese del S. Matteo Valentina Parisi… Messina soffre la prestazione opaca di Enza Gaeta…

Rainbow – San Matteo 56-40
Parziali: 15-15 \ 30-22 \ 42-30\ 56-40.
Rainbow Basket Catania: Guerri 14, Ferlito 11, Gambino 13, Terranella 5, Gambuzza, La Manna 7, Accolla 6, Pappalardo, Vinci, Tripoli. All. Coppa .
Audiofon Messina: Ceraolo 2, Bonaccorsi, Retto 5, Condello, Parisi 7, Polizzi, Gaeta 8, Grillo 3, Raffaele 9, Cascio 6. All. Ribaudo.
Arbitri: Massari e Giunta di Ragusa

Domina la Rainbow nella partita giocata al Pala Galermo contro S. Matteo Messina, incontro valido per la terza giornata d’andata della terza fase di B femminile.

Nessuna esitazione per le ragazze di coach Coppa nella gestione di una partita vinta soprattutto in difesa ma

Silvia Gambino, Rainbow Catania

Silvia Gambino, Rainbow Catania

anche grazie alla terza prestazione utile di Silvia Gambino, ottimamente recuperata dopo l’infortunio alla mano. Pesa nella partita delle ragazze allenate da Ribaudo e Skrastina il numero sanguinoso di palla perse e il non aver saputo trovare un rimedio efficace all’asfissiante difesa casalinga. Testardo S. Matteo non ha comunque mai gettato la spugna, provando sino alla fine a recuperare un incontro riaperto fino al +10 ad inizio della quarta frazione.

Si apre sui binari dell’equilibrio il derby siciliano tra le due sqaudre. S. Matteo sceglie di non schierare Gaeta in quintetto preferendo Cascio, la Rainbow lascia immutato il suo starting five. Il primo canestro è delle padrone di casa: subito bene la difesa rosso-azzurra che chiude con una buona collaborazione il tentativo di girarsi verso il canestro della n°20 messinese, murata da Ferlito e Gambino, e trova grazie alla prima palla recuperata del match, la prima marcatura con la tripla di Terranella. Messina non sta a guardare, Raffaele accorcia subito ed è Retto ad allungare il vantaggio con il tiro dai 7,25 del 3-5 ospite. Il canestro più libero realizzato da La Manna risponde al parziale confezionato dalle ospiti, Ferlitorestituisce il break e la Rainbow avanza grazie ad una efficacissima difesa a metà campo e le conseguenziali palle perse di S. Matteo.  Su questo motivo si chiude la prima frazione ma, a dispetto del lavoro difensivo fatto, le padrone di casa hanno concluso in parità  (15-15) i primi dieci minuti di partita: Parisi a 12” dalla fine rimette tutto in discussione con una tripla finale.

Valentina Parisi, oggi al S. Matteo Messina

Valentina Parisi, oggi al S. Matteo Messina

Il secondo quarto regala pochi sussulti. La difesa arcigna delle padrone di casa continua ancora a fare la differenza ma se S. Matteo soffre, la Rainbow non trova feeling con il canestro mancando, proporzionalmente a quelle che sono state le effettive occasioni conquistate dai recuperi difensivi, i canestri di un più lungo distacco. Dunque pochi, i 15 punti realizzati nel secondo parziale con Ferlito, La Manna e la solita Gambino sono comunque bastati alla Rainbow per mettere la freccia e sfuggire a S. Matteo, bloccato dalle palle perse e solo 7 punti realizzati. Le due squadre andranno al riposo sul 30-22.

Il terzo quarto può essere considerato un Gambino show. La giocatrice numero 6 apre con due liberi consegnati al fondo della retina ed una immediata palla recuperata. Le locali trovano così nuova concentrazione, mentre continuano le difficoltà per S. Matteo che cerca di costruire trame di gioco spesso arrivate oltre i 24”. Manca il contributo di Gaeta cercata ad inizio frazione da un passaggio filtrante di Raffaele, mancato dalla pivot  messinese . Ribaudo la alterna a Cascio, ma senza effetti. Si sente l’assenza di Retto, rimasta in panchina nonostante la concretezza dei primi quarti, ma Raffaele e Parisi continuano a provare, azione su azione, con determinazione. A metà frazione è ancora Gambino ad essere trascinatrice per le locali: tripla per il 37-23, assist per Accolla e, a 5.59”, nuovo 2/2 ai liberi. La Rainbow continua a difendere ma in contropiede Parisi si esprime al meglio con un passo e tiro che vale però “solo” il -14 S. Matteo. A 2.11” è buio per le ospiti: Cascio trova due liberi ma la luce si accende solo per un’azione. Accolla va nuovamente a referto e solo sul finire della frazione Raffaele è di nuovo impegnata dalla lunetta, per marcare il nuovo parziale di 45-30.

Il quarto quarto lo aprono in scia le ospiti con il canestro del 45-32. Due errori per parte sbloccano il punteggio solo a 7.26” al tabellone, con ancora Raffaeleimpegnata dalla linea della carità. Il 2/2 permette a S. Matteo di ritornare in

Salvo Coppa (foto d'archivio)

Salvo Coppa (foto d'archivio). Coach uscente Rainbow Catania

gara sul -10. La Rainbow accusa il colpo. Cascio si fa largo, forse fallosamente, sotto canestro e segna 45-37 che accorcia ancora le distanze. La reazione delle catanesi è ragionata, il tiro pesa, ma Terranella senza paura costruisce il piazzato del nuovo +10. Palla persa di Ceraulo e sul capovolgimento di fronte Ferlito manda a referto la tripla del 50-37. Gaeta sfonda su Accolla, a 5.43″ Guerri va ancora a canestro realizzando (52-37) e stavolta S. Matteo risponde con Ceraulo che segna e subisce fallo mettendo il libero a disposizione. Le padrone di casa continuano a “mordere” in difesa nonostante il match sia già praticamente chiuso. Ritrovato definitivamente cinismo sotto canestro, Ferlito chiude i giochi iscrivendo a referto l’ultima marcatura della gara.

Rainbow batte S. Matteo 56-40. Soddisfazione per la vittoria ma felicità smorzata nel gruppo catenese: Salvo Coppa ha già lasciato la squadra per aprire un nuovo capitolo lavorativo all’estero, questa volta negli Stati Uniti, dove inizierà a lavorare nel coaching staff della formazione WNBA delle Seattle Storm

 

Chiara Borzì.  

1.132 visite