«

»

Marchesano, finisce l’avventura al Cus Catania

Si conclude il rapporto con la società che lo ha cresciuto… Lettera aperta: «Da 15 ragazzi a decine di squadre»… «Grazie a tutti, ma c’è amarezza per non essere stato coinvolto nella decisione»…

Parlare della carriera di Giuseppe Marchesano è raccontare di una storia divisa tra Cus Catania, che lo ha svezzato come giocatore e poi lanciato come allenatore, e Sport Club Gravina, che lo ha accolto nella sua maturità. Nelle ultime stagioni, il settore giovanile cussino è stato animato dal coach etneo, che ha anche avuto modo di allenare la prima squadra, oltre al Gad Etna e a fare da vice a Borzì alla Pallacanestro Catania.

Nei giorni scorsi, il rapporto tra il Cus e Marchesano si è interrotto a sorpresa. E questa è la lettera aperta pubblicata sul sito del Cus Basket:

«Dopo 20 anni di permanenza all’interno del Cus che mi ha visto crescere e formarmi come allenatore,  finisce la mia collaborazione con la sezione basket del Centro Universitario, sono felice per gli anni trascorsi e soddisfatto di tutto ciò che siamo riusciti a fare, che per “molti” sarà poco… ma che a me lascia ricordi, affetti e soddisfazioni indimenticabili, ho iniziato in una palestrina ad allenare il minibasket insieme  a Gaetano Russo,con una quindicina di bambini assistendo alla crescita anno dopo anno dei nostri ragazzi e di tutto il settore giovanile (fiero di esserne stato il responsabile tecnico) che  oggi vanta decine di squadre provinciali ed eccellenze e  uno staff tecnico di valore professionale e umano, con cui il confronto è stato continuo e che ringrazio per i tanti spunti e dubbi  che mi  hanno permesso di approfondire e sviluppare la mia metodologia d’insegnamento…»

Giuseppe Marchesano durante gli ultimi play-off contro Licata (foto G. Lazzara)

«Lascio con l’amarezza di non essere stato coinvolto in questa decisione,  che per quanto legittima, poteva essere sicuramente gestita in modo diverso – prosegue Marchesano -, ad ogni modo sono sicuro che il Cus Basket troverà nuova linfa e nuove motivazioni da questo cambio e spero di vederlo sempre più in alto. Un abbraccio affettuoso va ai miei ragazzi che in tutti questi anni hanno arricchito la mia vita di relazioni umane vere, un grazie ai loro genitori che mi hanno sempre sostenuto riconoscendomi stima e affetti sinceri! Un ringraziamento particolare ai miei dirigenti Franco Mauceri , Giuseppe Ronza e Valentino Criscione che con grande abnegazione e passione sono sempre riusciti a offrire il meglio sia allo staff tecnico che ai  ragazzi….. Ancora grazie all’attuale  presidente Luca Di Mauro e ai suoi predecessori che mi hanno sempre fatto sentire parte di una grande famiglia, di cui ad ogni modo resto membro in qualità di socio e con cui spero di continuare a collaborare sotto altre vesti e per nuovi progetti».

R.B.C.

Vedi anche:
Peppe Marchesano: una vita con lo zio Tano!

1.007 visite