Vince anche a Palermo la giovane Rainbow

Striscia positiva per Coach Di Piazza e la sua giovane promettente Rainbow Catania …

Stella Palermo – Rainbow Catania 39/55

Parziali: 14/10 – 27/29 – 33/40

Stella: Ventimiglia, Bartolotta, Lo Bianco 5, Vigilante 10, Mattiolo, Farina 2, Mineo 3, Bianco 2, Bursi 6, Scrima 11, Greco, Trevisano. Coach Orecchio

Rainbow: Grima 7, Accolla 8, Quadarella 2, Villarruel 18, Bellomia 7, Parisi 9, Capici 2, Cocina, Imeneo 2, Bruno, Distefano. Coach Di Piazza

Arbitri: Vizzini-Calandra.

Striscia positiva per Coach Di Piazza e la sua giovane promettente Rainbow Catania che, dopo aver conquistato due punti sul difficile campo di Castellammare, ha dato l’ennesima prova di carattere, sano agonismo e gioco di squadra, contro l’ostica Stella Palermo di coach Orecchio. Dopo un primo quarto in cui le catanesi hanno fatto più fatica a trovare i giusti equilibri e l’assetto corretto, subendo un po la pressione della squadra di casa, e dopo un secondo quarto di assestamento, dalla terza frazione di gioco in poi, la Rainbow ha preso le redini del match in mano. Con il giusto atteggiamento e con la determinazione che la contraddistingue,  sia nel girare la palla,  sia in fase difensiva, che nel ribaltare in avanti in velocità, sfruttando gli errori e le incertezze della squadra di casa, le ragazze rossoazzurre hanno raggiunto un altro obiettivo.

In doppia cifra e top scorer dell’incontro, l’ottima Villarruel, con 18 punti nel suo bottino personale, ben supportata da Parisi e Bellomia, fondamentali nei recuperi e nel reparto difensivo, e da Accolla e Grima, incisive in avanti. Ma il merito va comunque al gruppo, continuando a dimostrare che, con costanza nel lavoro e sacrifici, gioco di squadra ed una buona dose d’entusiasmo, sfruttando al meglio le doti personali tecniche delle singole migliori giocatrici, si può andare lontano. Prossimo appuntamento fissato per domenica 8 Dicembre, alle ore 18.00, ancora fuori casa, ospiti del San Matteo Messina dell’argentina Kramer.

Addetto stampa
Maria Luisa  Lanzerotti

Be the first to comment

Leave a Reply

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*