Acireale si risveglia contro Cosenza

Difesa intensa e gioco di squadra… Gigi Russo trascinatore all’inizio, P. Marzo e Moretti nel momento decisivo… Vazzana tiene in gioco i suoi compagni… Sabato di nuovo in campo contro Marsala… 2014-025_acirealecosenzaAcireale – Cosenza 81-73
Parziali: 21-12, 35-30 (14-18); 61-45 (26-15), 81-73 (20-18).
PalaVolcan di Acireale, 23 febbraio, 17:00

Basket Acireale: P. Marzo 16, Dinicola, Moretti 25, Lo Faro 7, Santonocito 3, L. Russo 18, Grasso, A. Marzo 8, Abramo 2, Persano 2. All.: G. Russo.
Città di Cosenza: Gallo, Rotundo 8, Delli Carri 12, Pellegrino Yasakov 4, Guzzo 14, Cesana 8, Vazzana 27. All.: Binetti.
Arbitri: Arbace e Massari. Udc: Luppino, Cannata e D. Cosentino.

Federico Lo Faro e Pietro Vazzana (foto R. Quartarone)
Federico Lo Faro e Pietro Vazzana (foto R. Quartarone)

È passato un mese da quando il quintetto cosentino ha violato impunemente il PalaVolcan: quello è stato il primo di cinque stop di fila per il Basket Acireale. C’è voluto il carnevale affinché i granata interrompessero questa pesante striscia. Ci sono riusciti, finalmente, prendendosi la rivincita sull’ex Pietro Vazzana e compagni.

Una grande prestazione di squadra, condita dalle prestazioni individuali delle stelle acesi, intensi e costanti soprattutto in difesa, ha consentito alla truppa di Gaetano Russo di prendere il largo dopo l’intervallo lungo. L’avvio è tutto di marca Gigi Russo, che sotto canestro annulla Pellegrino Yasakov e Cesana, e propizia il primo massimo vantaggio sul 18-9. Non ha però fatto i conti con Vazzana, che veste i panni del leader e tiene i compagni in scia.

Massimo Moretti (foto R. Quartarone)
Massimo Moretti (foto R. Quartarone)

Nella confusione del secondo periodo, è lui in tandem con l’eterno Luigi Delli Carri a provare la rimonta. È una speranza vana. Al contrario dell’ultimo precedente, i calabresi sono nervosi e commettono qualche fallo di troppo. La difesa acese, invece, fa la differenza, così dopo l’intervallo lungo Pietro Marzo e Massimo Moretti orchestrano uno show ben supportati da Federico Lo Faro e Alberto Marzo.

Intanto, i cosentini continuano a perdere colpi, escono per cinque falli prima Pellegrino Yasakov, poi Delli Carri, così l’ultimo periodo serve per far esaltare l’esterno friulano (che si esibisce con due schiacciate in contropiede, fino al 69-53) e per dare un po’ di spazio  chi ha giocato meno.

Acireale, recentemente penalizzato di un punto per una strana questione di pagamenti alla FIP, sabato 1° marzo aspetta Marsala per la terza giornata della fase a orologio. Mancano ancora sei giornate e ci sarà molto da vedere prima dei play-off.

Roberto Quartarone
Twitter: @rojoazul86

Be the first to comment

Leave a Reply

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*