Lazùr, quanta fatica contro Priolo

Vittoria di cinque punti… Le etnee non accelerano… M’Bombo e Terranella imprendibili… Risposte altalenanti per Catanzaro… Sabato si gioca contro la Rescifina…

Lazùr-Priolo 67-62
Lazùr Catania:
Eric 13, Miceli ne, Licciardello 5, Pistritto 4, Bruni 11, Hristova 6, Messina 5, Lombardo 10, Privitera ne, Buscema, De Lucia 2, Ripellino 11. All.: Catanzaro.
Trogylos Priolo: Massei, Vicario 8, Aprile 4, Terranella 21, Calcerano, Morabito, Aglieco ne, Benincasa ne, M’Bombo 24, Quadarella 2, Scollo 3. All.: Bianca.
Arbitri: Perrone e Rinaldi.
Parziali: 10-8, 15-17; 25-16, 17-21.

Una spenta Lazùr vince contro un’arrembante Priolo: le ospiti vanno varie volte avanti, malgrado la differenza d’età e di tecnica, e negli ultimi minuti provano pure il colpaccio, trascinate dalla leonessa M’Bombo e da miss tenacia Terranella. Catanzaro ha risposte altalenanti: Eric inventa, Hristova fa da muro in difesa, Ripellino cattura falli, Lombardo coglie l’attimo e Messina si lancia nel finale. L’impressione, però, è che le etnee non abbiano accelerato più di tanto. Bianca, invece, sorride: le sue fanno un’altra bella figura.

Roberto Quartarone
da La Sicilia

La Lazur Catania disputa la più brutta partita della stagione e supera non senza fatica la Nuova Trogylos Priolo di coach Bianca, nella prima giornata di ritorno del campionato di serie C femminile. Coach Catanzaro non può disporre della infortunata Gioia e dell’indisponibile Cutugno, recupera all’ultimo istante Licciardello che in settimana aveva effettuato un solo allenamento, e deve fare i conti con le non buone condizioni di Marjia Eric, alle prese con l’influenza. Le ragazze catanesi disputano un incontro sotto ritmo, con diversi errori in fase offensiva che rendono talvolta farraginose le giocate in attacco e con poca propensione difensiva, limitando solo a tratti il duo Terranella-Mombo, autrici insieme di 43 punti sui 62 finali per la propria squadra. Nei primi due quarti si registra un sostanziale equilibrio che conduce le due squadre all’intervallo lungo in perfetta partita’ (25-25). Dopo la strigliata di coach Catanzaro negli spogliatoi, le lazurine tornano in campo con maggiore intensità e piazzano nel terzo quarto il break decisivo grazie ai canestri di Bruni, Eric e Lombardo (50-41 per le locali alla fine del terzo parziale). Le catanesi controllano non senza qualche patema le avversarie nell’ultimo tempino e alcune buone giocate di Giuliana Messina portano al risultato finale di 67-62 per le padrone di casa. Adesso la Lazur e’ attesa da una settimana di duro lavoro in palestra, per poter preparare al meglio l’impegnativa e trasferta di sabato prossimo a Messina contro Rescifina.

‘Comunicazioni e media’ Lazur Basket Catania

Be the first to comment

Leave a Reply

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*