Cosenza espugna il PalaCus: Acireale ko

Maric protagonista dell’avvio… Acireale sembra controllare la gara… Nel terzo periodo cambia tutto: Bacchini e Tommasiello in cattedra… Nel finale decisivo Ginefra… VIDEO: gli ultimi secondi

2015-056_acirealecosenza

Acireale-Cosenza 64-67
Parziali:
17-13, 33-31 (16-18); 47-54 (14-23), 64-67 (17-13).
PalaCus di Catania, 11 febbraio, 19:00

Polisportiva Basket Acireale: Marzo 10, Cerame ne, Maric 25, Ferrara 4, Patanè, Arcidiacono 7, Gulisano ne, Cusenza 8, Greco ne, Abramo 10. All.: Foti.
Nertos Città di Cosenza: Pirrone 1, Cesana 6, Ginefra 16, Bacchini 16, González 7, Tommasiello 21. All.: Seidita.
Arbitri: Sciliberto e Attard. Udc: Calcagno, Gigliuto e M. Viola.

Maric affronta Bacchini (foto R. Quartarone)
Maric affronta Bacchini (foto R. Quartarone)

Cosenza ha violato il PalaCus: nel recupero della sedicesima giornata, i calabresi superano Acireale di tre miseri punti, dopo essere stati avanti anche di dieci. L’andamento della partita è strano, perché l’Acibasket sembra in grado di controllare la gara, al contrario di quanto accaduto nella partita sospesa per pioggia. Ma inspiegabilmente nel terzo periodo i granata si bloccano e danno via libera agli ospiti, che per di più si erano presentati con soli sei cestisti a referto.

Grandi protagonisti in avvio sono Maric, cecchino con 6/11 totali dalla lunga distanza e tre assist, e Arcidiacono, che con due punti di fila segna l’allungo sul 17-13. I cosentini rispondono con le sortite di Bacchini e Tommasiello, con González e Cesana che occupano l’area ma hanno un impatto solo in difesa. Il nervoso Foti si prende un tecnico e dopo l’intervallo lungo l’ultima fiammata acese sono i cinque punti di Cusenza e Marzo. Sale in cattedra Ginefra, con i suoi tiri pesanti e la sua regia: lo 0-11 piazzato dai cosentini è decisivo. Nell’ultimo periodo, infatti, tra falli tecnici e contropiedi acesi, si arriva due volte sul -1, ma l’ultima tripla di Patanè, quella del pareggio, si infrange sulle mani di González.

Roberto Quartarone
da La Sicilia

Be the first to comment

Leave a Reply

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*