Genualdo e la «grande impresa» del Gravina

Intervista al direttore sportivo gravinese: dalla promozione in Serie C alla filosofia per il futuro, tra settore giovanile e prima squadra…

Ci sono voluti tre anni per il ritorno del Gravina in Serie C. La C2 ha ricaricato le pile e permesso ai giovani del vivaio di crescere: così la promozione è firmata soprattutto da Barbera, Spina, La Mantia, Genovesi, Crisafi, Minardi e Paglia, che con Consoli, Verzì, Burgio e coach Guadalupi hanno formato un gruppo che è andato oltre ogni aspettativa.

«È stata una grande impresa – spiega il direttore sportivo gravinese Cinzia Genualdo, ex cestista passata da Ostia, Catania e Priolo –, ci siamo tolti una soddisfazione. I ragazzi sono molto affiatati, i risultati sono arrivati. Inoltre dietro la Serie C c’è l’Under-17 d’Eccellenza che ha fatto la sua impresa, arrivando a competere contro società storiche. Inoltre molti ragazzi hanno fatto esperienza esordendo in prima squadra».

Il posto nella nuova massima serie regionale è assicurato: «Il campionato sarà finalmente di alto livello – prosegue Genualdo –. Noi speriamo di non dover lasciare il nostro campo, non è omologato per la categoria, e di trovare anche chi ci supporti economicamente. Noi continueremo a lavorare come stiamo facendo».

La società di Natale De Fino si è caratterizzata per un forte senso d’appartenenza. «Il nostro deve essere un progetto condiviso per far crescere i ragazzi – riprende il ds –, io metterò la mia esperienza e la mia passione. È l’aspetto umano ciò che ci interessa: lo staff insegna ai ragazzi lo spirito di squadra. Chi emergerà lo farà perché sa stare nel gruppo e poi nella società civile, attraverso una scuola di basket che dia un indirizzo tecnico-formativo. Bisogna insegnare rispetto, disciplina e senso del dovere».

E in questo la collaborazione con il dt Mike Del Vecchio sarà fondamentale. «Lui sta curando un lavoro individuale con gli altri coach, tra i migliori della provincia. Insieme vogliamo creare l’immagine di una società pulita, con ragazzi seri che si comportano bene in campo», chiude Genualdo.

Roberto Quartarone
da La Sicilia

Be the first to comment

Leave a Reply

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*