Il Cus Catania festeggia: è Serie C!

Federico Lo Faro monumentale, Selmi puntuale, Elia letale… Il tentativo di rimonta zittito da sette triple… L’Alfa meno brillante dell’andata…2015-069_cusalfaCus-Alfa 83-59
Parziali:
19-10, 38-25 (19-15); 60-43 (22-18), 83-59 (23-16).
PalaCus di Catania, 18 aprile, 19:00

Cus Catania 2003: Lo Faro 26, Arena, Strano 4, Santonocito © 12, Selmi 14, Porto, Chisari ne, Giarrusso 2, Abramo 9, Fichera ne, Elia 13, Grasso 3. All.: Malagò.
Polisportiva Alfa Catania: Catotti 5, Valenti 2, El Gerahi, Saccà © 11, Marino 13, Randazzo ne, Vetrano 8, Licciardello 2, Puglisi ne, Pennisi 4, Marchetta ne, Gambino 14. All.: Di Masi.
Arbitri: Cappello e Lorefice. Udc: Gigliuto, Luppino e Cannata.

Lo Faro si erge in area (foto G. Lazzara)
Lo Faro si erge in area (foto G. Lazzara)

La fenice è definitivamente risorta e si è riappropriata della Serie C unica: il Cus Catania ha ribaltato la sciagurata sconfitta dell’andata e ha dilagato nel finale contro i cugini dell’Alfa. Con il gioco di squadra che ormai va a memoria, ma in cui hanno spiccato un Federico Lo Faro monumentale, un Gianluca Selmi puntuale come un treno a Zurigo e un Manfredi Elia letale come una granata, Rubens Malagò può festeggiare una promozione costruita anni fa, quando si è deciso di dare il massimo spazio al vivaio.

L’Alfa è la vittima di questa stracittadina fratricida: è spenta e slegata rispetto alla gara d’andata. Dopo lo 0-0 dei primi due minuti, gli ospiti faticano a trovare la precisione al tiro e vanno subito sotto. Il tifo non c’è, si gioca a porte chiuse, ma qualcuno fa comunque capolino in tribuna: era una partita imperdibile per gli appassionati etnei. Chi c’è si diverte: capitan Santonocito inizia bene (ma poi l’intramontabile Grasso deve sostituirlo a causa dei falli), ma Malagò ha ottime risposte dai titolari e non deve far sudar tanto Abramo e Arena, che sono scesi da Acireale per dare una mano.

Intanto, Saccà e Gambino faticano a organizzare la manovra dell’Alfa, Vetrano e Catotti cercano meno il ferro. La fiammata è dopo l’intervallo: Gambino, Vetrano, una tripla di Marino ed ecco il sentore che si possa ripetere la rimonta di sette giorni prima. Ci pensa Lo Faro a zittire tutti: è lui la mente delle tre triple di Selmi e delle quattro di Elia che chiudono i giochi. La festa ha inizio, la Serie C è conquistata!

Roberto Quartarone
da La Sicilia, si ringrazia Roberta Gigliuto

Be the first to comment

Leave a Reply

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.