Festa FIP Catania, ci sono anche gli u.d.c.!

Calcagno rappresentante della categoria… Riconoscimento all’istruttrice Borzì… Il movimento degli ufficiali di campo continua a crescere…

La premiazione CIA
La premiazione del CIA: Cristina Luca, Luca Moschitto, Michelangelo Sangiorgio, Santo Spina, Andrea Calcagno e Umberto Trovato

Si fanno vedere solo in rare occasioni, si fanno notare ancora meno, ma gli ufficiali di campo sono sempre lì, al tavolo, a dare supporto agli arbitri e alle squadre durante le partite più importanti. Erano presenti anche alla festa della FIP Catania 2015: quest’anno il premio per la categoria è andato ad Andrea Calcagno, non certo uno degli ultimi arrivati, ma che corona una stagione ricca di partite, culminate nelle varie finali giovanili che hanno visto varie società catanesi presenti.

La “maglia blu” di Gravina raccoglie il testimone dai colleghi Manuela Russo, Claudio Cosentino, Marcello Barbagallo e Anna Tringali, che hanno ritirato il premio negli ultimi anni. Anche a Mariagrazia Borzì viene dato un secondo riconoscimento, fuori programma (e ritirato da Santo Spina), che arriva dopo un decennio di attività da istruttrice provinciale e regionale per gli ufficiali al tavolo.

Mattia Viola, Andrea Calcagno e Claudio Cosentino festeggiano il riconoscimento
Mattia Viola, Andrea Calcagno e Claudio Cosentino festeggiano il riconoscimento

Gli u.d.c. etnei sono in prima fila e dimostrano di esserci, malgrado le partite siano meno rispetto al passato (dunque le designazioni più difficili) e le riunioni più difficili da organizzare senza una sede disponibile quando ce n’è bisogno.

Il movimento, che ha espresso di recente due esordienti in A maschile (Marzia Monforte, da qualche anno al Nord, e Filippo Patanè, che quest’anno è stato sei volte al tavolo per Capo d’Orlando) e un ufficiale promosso da regionale a nazionale (Damiano Viola), continua a crescere. Le maglie blu ci sono e, insieme, festeggiano un’altra stagione che va in archivio…

Roberto Quartarone
Twitter: @rojoazul86

Be the first to comment

Leave a Reply

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*