Mascalucia frena a Piazza Armerina

Primo quarto negativo, poi si gioca in equilibrio… Gulinello: «Sono contento per i giovani che possono giocarsela tranquillamente nella categoria»…

Grottacalda-Mens Sana 83-70
Parziali: 
25-10, 46-32 (21-22); 67-56 (21-24), 83-70 (16-14).
PalaTenda di Piazza Armerina, 5 dicembre, 18:30

Grottacalda Piazza Armerina:Cattuti 11, Ciancio A. 11, Ciancio M. 19, Ciaramella ne, Conti ne, Crocco ne, Filetti 12, Giunta 8, La Rosa 13, Pecoraro 9, Santanna ne, Santoro ne. All.: Barravecchia.
Mens Sana Mascalucia: Gulinello 18, Sciuto 11, Scerra 11, Pasquali 5, Battiato 4, F. Ferrara 10, V. Ferrara, Roccella, Costanzo, Zafarana 6, E. Pappalardo 7, Arcidiacono. All.: Giorgianni. 
Arbitri: A. Melizia e Spadaro. Udc: Rizzo e V. Melizia.

Un primo quarto sottotono condanna Mascalucia alla sconfitta al cospetto del Grottacalda. Primo quarto negativo per i mascalucesi, sia per colpa delle palle perse che per i problemi di falli dei  lunghi. Dal secondo quarto la formazione ospite  gioca meglio (e l’equilibrio dei parziali lo dimostra) e nell’ultimo quarto arriva due volte a -6, ma i piazzesi, con giocate di esperienza, i punti di Marco Ciancio e qualche tiro libero in più hanno portato a casa la vittoria.

«A fine partita – spiega Salvo Gulinello – avevamo un misto di soddisfazione e rammarico. Abbiamo fatto una buona partita ma purtroppo nel primo quarto abbiamo sbagliato un po’ troppo in difesa e abbiamo preso un parziale che in campi come quello di Piazza Armerina è difficile recuperare. Tutto questo però ci deve servire da stimolo per le prossime due partite che saranno entrambe molto dure. Sono contento che ragazzi come Ferrara, Battiato e Pappalardo stiano dimostrando partita dopo partita di potersela giocare tranquillamente in questa categoria».

«Partita di grande personalità – aggiunge il dirigente ospite Daniele Belluomo, contro una squadra ostica ed un campo difficile. Difficoltà accentuate (se mai ce ne fosse stato bisogno) da molte decisioni dubbie degli arbitri di casa. Peccato».

R.B.C.

Be the first to comment

Leave a Reply

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*