Seminara, primo cuscussino d’esportazione

Il primo giocatore del Cus Cus Catania che va a giocare fuori Sicilia… Il contropiedista veste la maglia della Menarini Firenze… «Due anni al Cus Cus importanti dal punto di vista umano»…

Giovanni Seminara c’era sin dalla prima partita del Cus Cus Catania. Era una presenza fissa a referto della squadra di basket in carrozzina e di solito entrava e timbrava il cartellino con un contropiede concluso a canestro. Quest’anno non è più nel roster dei bianco-rossazzurri: dopo 18 partite e 20 punti è diventato il primo cuscussino d’esportazione, finendo a Firenze.

«Ho cominciato nel 2013 – ricorda lui – insieme a tutti gli altri, dopo un’amichevole con la squadra di Palermo. Grazie alla dottoressa Elide La Scala siamo riusciti a fare la squadra e ad iscriverci al campionato di Serie B. Sono stati due anni importanti per me soprattutto dal punto di vista umano, i ragazzi mi volevano molto bene e me ne vogliono tutt’ora. Ovviamente ricambio! Sono legatissimo a società staff e squadra».

Giovanni è diventato un po’ il simbolo della funzione del basket in carrozzina come riabilitazione dei singoli, ma anche come costruzione del gruppo. Dal punto di vista sportivo, è stato un passo in più rispetto al suo passato nel nuoto, in cui ha anche disputato qualche gara nazionale a livello societario con Giampi e Come Ginestre.

«Mi sono trasferito – prosegue – per ragioni extrasportive alle Volpi Rosse Menarini Firenze, l‘unica società toscana di basket in carrozzina con cui farò due campionati, B e Giovanile. L’obiettivo è giocarsi partita dopo partita. La società ha fatto un grande sforzo: ha tesserato per la squadra di Serie B giocatori di esperienza, anche se ci serve tempo per amalgamare il tutto perché alcuni si allenano fuori dalla Toscana, ma di base c’è un ottimo gruppo».

Con le Volpi Rosse, Seminara avrà modo di viaggiare: il campionato giovanile inizierà a gennaio e comprende sette squadre, da Cantù a Giulianova. Il Girone C di Serie B (centro Italia) si è già rivelato molto arduo, ma Giovanni potrà vivere questa sfida da protagonista.

Roberto Quartarone
Twitter: @rojoazul86

Be the first to comment

Leave a Reply

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*