Rainbow, tutto da copione contro Santa Venerina

La Rainbow Catania affonda Santa Venerina 76-19 nella 4.a giornata di ritorno del campionato di Serie B/C femminile… Coach Di Piazza: «Incontro utile per testare grandi e piccole della nostra formazione»

2016-048_RainbowSantaVenerina

Rainbow Catania – Santa Venerina 76-19
Parziali:
19-7; 40-14 (21-7); 64-14 (24-0); 76-19 (12-5).
PalaCatania di Catania, 30 gennaio, 17:30

Rainbow Catania: Parrinello 6, Magrì 4, Ferlito © 7, Gandolfo 2, Parisi, Bruni 2, Chiarella 8, Mbombo 18, La Manna 8, Patanè 8, Eric 11, Messina 2. All.: Di Piazza. Vice: Greco.
Pall. Santa Venerina: Cardea 5, Bontempo, Lattuca 2, Grasso 4, Panebianco 2, Pafumi 2, Gagne 2, Cardillo © 2, Santini, Patti, Calì.
Arbitri: Castorina e Moschitto. Udc: Gigliuto e Famoso.

 

La Manna limita Gagne (foto R. Quartarone)
La Manna limita Gagne (foto R. Quartarone)

Toh, guarda: c’è il tabellone nuovo, comprato dalla Rainbow, che segna tempo, punti e falli! È questa forse la vera notizia in Rainbow-Santa Venerina, testacoda del campionato di Serie C finito esattamente come recitava il copione. Al PalaCatania segnano i primi punti in prima squadra Flavia Parrinello e Sara Messina, nel gruppetto di Under-16 che hanno giocato a lungo, ed Elizée Mbombo non fa rimpiangere l’infortunata Villarruel.

Per il resto, le ospiti in maglia blu sono senza il febbricitante coach Sgroi e sono gestite dal tm Spinella: buona volontà, tanta, ma risultati pochi. Cardea ha qualche buono spunto, Gagne ci mette grinta, ma dopo il 7-0 iniziale e il 15-5, il divario non fa che aumentare. Il terzo quarto senza punti le condanna infine.

Elizée Mbombo (foto R. Quartarone)
Elizée Mbombo (foto R. Quartarone)

Per il resto, è un bel monologo delle rossazzurre: nessuno può contrastare le lunghe La Manna, Chiarella e Patanè, Magrì, Gandolfo e Parisi guidano le compagne, Ferlito ci mette l’esperienza. La giocata della partita è dell’ottima Eric: palleggio sotto le gambe con assist a Mbombo e canestro da sotto.

Ora però in settimana c’è una partita importante da preparare: la sfida contro la Viola, a Reggio Calabria, che deciderà la vincitrice del girone. Ci sono 16 punti da difendere, conquistati in casa. «Da lunedì ricomincerà il nostro peregrinare tra il palazzetto di Battiati e il Pala Arcidiacono. Il PalaCatania sarà indisponibile per un concorso», si rammarica il presidente Fabio Ferlito. Dal PalaGalermo, intanto, arrivano solo echi di altre devastazioni.

Roberto Quartarone

Sara Messina, esordio con due punti (foto R. Quartarone)
Sara Messina, esordio con due punti (foto R. Quartarone)

Catania, 30 gennaio 2016 – Vittoria come da pronostico per la Rainbow Catania che batte nettamente Santa Venerina con il punteggio di 76-19. Coach Gabriella Di Piazza alla vigilia della partita lo aveva promesso, «Daremo spazio alle giovani», e così è stato. Il risultato ottenuto si è rivelato due volte soddisfacente e nasce un sorriso in più pensando al completo epilogo del match: Rainbow e Santa Venerina si sono unite per un’unica foto finale, dimostrando come la sportività in campo sia stato valore aggiunto di questo incontro.

Le catanesi sono partite subito forti con un parziale netto di 15-5 firmato Ferlito, Chiarella e La Manna. Le ragazze del presidente Fabio Ferlito sono state soprattutto forti a rimbalzo, grazie al tandem composto da La Manna e proprio Chiarella, riuscendo così a dilagare velocemente. Nel fronte opposto Santa Venerina si è affidata ad un gioco corale, ma non ha trovato i mezzi adatti per affrontare ad armi pari la capolista. Contro il fanalino di coda vere protagoniste dell’incontro sono state la concretezza di Sara Magrì, Lucrezia Gandolfo, Giulia Patanè e Flavia Parrinello, lunga marsalese del 2000, autrice di 6 punti in questa partita. Bene anche Mbombo.

La performance finale delle due squadre insieme in onore di Nadia Strano, trasferita per lavoro fuori Sicilia ma già nel gruppo della Rainbow e del Riposto, ex squadra di molte delle santavenerine (foto R. Quartarone)
La performance finale delle due squadre insieme in onore di Nadia Strano, trasferita per lavoro fuori Sicilia ma già nel gruppo della Rainbow e del Riposto, ex squadra di molte delle santavenerine (foto R. Quartarone)

«L’incontro non era difficoltoso e lo sapevamo – ha dichiarato alla fine della partita coach Gabriella Di Piazza – lo abbiamo utilizzato per testare la squadra, capire se i meccanismi tra le più gradi erano oleati, inserendo a turno le piccole con lo zoccolo duro della formazione, fino a lasciarle autonome nell’esprimere le loro potenziale nell’ultimo quarto. Sono soddisfatta, ma spero che gli infortuni vadano a diminuire».

«Abbiamo lasciato spazio alle giovani, sono il futuro di questa società – ha evidenziato invece il presidente Fabio Ferlito, pensando però, già stasera al prossimo impegno della Rainbow – Riposeremo solo domani e poi da lunedì ricomincerà il nostro peregrinare tra il palazzetto di Battiati e il Pala Arcidiacono. Il PalaCatania sarà indisponibile per un concorso. In questa condizione prepareremo la partita più importante del nostro campionato contro la Viola Reggio Calabria».

Comunicato satampa Rainbow Catania

Be the first to comment

Leave a Reply

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*