1ªD: Gravina all’ultimo respiro sull’Alfa

Una tripla di Duscio decide la gara… Alfa trascinata da Puglisi… Gli under-18 gravinesi si giocheranno contro Santa Croce la vetta del girone…

2016-088_1DAlfaGravinaAlfa-Gravina 81-84
Parziali: 23-20, 33-45 (10-25); 58-62 (25-17), 81-84 (23-22).
Leonardo da Vinci di Catania, 15 aprile, 20:30

Polisportiva Alfa Catania: Rapidarda 4, Belluomo © 14, Spadaro, Randazzo, Carbonaro 12, Santuccio 7, Torresino, G. Puglisi 25, Marchetta 8, D. Conti sr. 11. All.: Taormina.
Sport Club Gravina: La Mantia 2, Di Mauro 21, Barbagallo 8, D. Angirello ne, Nicolosi 20, La Spina 4, Duscio 13, Fisichella, Garozzo 8, Alì © 8, Currao ne. All.: L. Angirello.
Arbitri: Castorina e La Macchia.

La posta in gioco era alta: nel raggruppamento bianco di Prima Divisione i valori sono molto simili tra Alfa, Gravina e Santa Croce, dunque ogni sfida può valere l’accesso alla Final Four, ultimo atto del torneo. Le tre formazioni, seconde squadre delle società di C e D, fino a venerdì scorso, si erano divise la posta, vincendo sempre in casa e perdendo puntualmente in trasferta. Ci hanno pensato gli Under-18 gravinesi a sovvertire la tradizione, con una prestazione di squadra super e tenendo l’imperiosa rimonta degli alfisti.

I valori si sono equivalsi a lungo: gli alfisti erano condotti dai play Belluomo (che cresce alla distanza) e Conti, ma hanno perso presto Torresino subito gravato dai falli; Carbonaro e Marchetta sono stati protagonisti della rimonta, il primo preciso al tiro e il secondo ottimo sotto canestro, ma soprattutto con un Gabriele Puglisi, ex di turno, che disputa una prova da trascinatore, dimostrando di meritare un altro palcoscenico.

I gravinesi invece hanno costruito la vittoria con una gran prova di squadra. Nicolosi ha fatto pentole e coperchi, da play e da finalizzatore, mentre le sgroppate di Di Mauro e Duscio hanno garantito il bottino di punti necessario per poter vivere meno in tensione gli ultimi minuti. Bene comunque tutta la squadra, che Angirello ha fatto ruotare per i 40′.

Dopo tanti botta e risposta, i momenti topici sono alla fine: da un lato segnano Di Mauro e Alì, ma Marchetta da sotto e Puglisi da tre sanciscono il pari sull’81-81. È Riccardo Duscio che s’inventa la tripla della sicurezza a pochi secondi dalla sirena. Per la vetta del girone, diventa fondamentale la sfida del 24 aprile tra Sport Club e Vigor Santa Croce. L’Alfa è ormai fuori dai giochi.

Roberto Quartarone
Twitter: @rojoazul86

Be the first to comment

Leave a Reply

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*