Michel Zuccalà, il Boranga della pallacanestro
Vizzini in festa celebra la sua storia

A 62 anni, si chiude il 40º anno di attività del giocatore del Bidi Basket, che è stato salutato da tutti gli amici all’All-Star Game Rusticano…

2017-009_AllStarGameRusticano

Michel Zuccalà con una targa ricordo
Michel Zuccalà con una targa ricordo

Il Lamberto Boranga della pallacanestro è di Vizzini, si chiama Michel Zuccalà e ieri ha salutato il basket giocato con una grande festa, un All-Star Game Rusticano che ha coinvolto tre squadre in rappresentanza dei tre momenti storici del basket vizzinese. Zuccalà c’era, sempre. Giocava ai tempi della San Sebastiano, in Promozione a fine anni settanta, con il GS Pallacanestro, che disputò due anni di fila la Serie C2, e con il Bidi Basket, che ha giocato in Prima Divisione lo scorso anno. Zuccalà ha 62 anni: è stato il più… esperto giocatore siciliano in attività.

«Ho deciso di chiudere per dare spazio ai ragazzi della nuova società – afferma lui poco prima della festa –. Quest’anno è stato un disastro in termini di risultati, abbiamo perso tutte le partite in Prima Divisione, ma solo perché i giocatori più esperti sono tutti andati via da Vizzini e stiamo giocando con un gruppo di ragazzi ancora giovani, con pochi anni di pallacanestro alle spalle. La società è presieduta da mio figlio, Benedetto, e sono sicuro che il futuro sarà positivo perché i ragazzi si stanno muovendo tanto e vogliono creare un loro progetto a scuola, partendo dalla loro passione».

Una vecchia foto di Zuccalà con la maglia della squadra vizzinese
Una vecchia foto di Zuccalà con la maglia della squadra vizzinese

Michel Zuccalà, nato a Vizzini nel 1954, non era comunque presente quando è stata fondata la prima società: è infatti emigrato con la famiglia in Francia, per poi tornare a casa 21enne. «Arrivai come militare nel 1975 – prosegue –. In realtà, giocavo a calcio, ma nell’agosto 1976 ho voluto partecipare a un torneo estivo di basket. Atleticamente ero preparato, mi appassionai e iniziai a giocare in Promozione, così rimasi a Vizzini per amore della famiglia e della pallacanestro».

Da quel momento iniziano i 40 anni di carriera di Zuccalà nel basket vizzinese. «Il presidente era Carmelo Foti, che poi diventò assessore – ricorda –. Poi Pippo Formica formò una nuova squadra, affidata a Salvo Curella, che ci ha dato una bella spinta. Cestisticamente era il top, è lui che ha iniziato al basket i ragazzi che nel 1998 avrebbero conquistato la Serie C2, vincendo lo spareggio contro la Psaumide Santa Croce. Gli anni precedenti furono i migliori, eravamo un bel gruppo che svettava sempre in Serie D». Altri due allenatori hanno lasciato grandi tracce a Vizzini: Occhipinti e Strazzeri, che lì allenò il suo primo gruppo, a 16 anni.

La "New Generation"
La “New Generation”

Il giocatore non ha mai perso la motivazione: «In realtà sono i ragazzi che mi hanno voluto con loro, mi hanno voluto far partecipe del campionato. Quando siamo stati fuori dai campionati federali, abbiamo comunque partecipato al campionato PGS. Ora abbiamo la struttura, ma secondo me manca la volontà dei più piccoli, è difficile trovare 10 ragazzi che vogliano fare gruppo. Mi sembra che ognuno sia per conto suo, ci vorrebbero dei ragazzi che condividano tutto per abbracciare un progetto cestistico. Anche la crisi purtroppo ha inciso».

La Formazione C2
La Formazione C2

Queste sono le formazioni accorse al Centro Sportivo Trinakria:

  • i Veterani schieravano Gianfranco Fraschilla, Santo Interlandi, Aldo Cortese, Tonino Salina, Pippo D’Aquila, Vito Caserta, Mimmo Ponte, Enzo Romeo;
  • la Formazione C2 Carlo Carlo, Massimo Noto, Sebi Li Rosi, Salvo Busacca, Giovanni Avolino, Felice Salina, Sebi D’Avola, Benny Zuccalà, Anthony Leggio, Salvo Barresi con coach Sabino Cascione, il presidente Pippo Formica e Sandro Lazzaro;
  • I "Veterani"
    I “Veterani”

    la Formazione New Generation: Sebi Colosa, Salvo Colosa, Tommy Noto, Luca Blangiardo, Alex Gambino, Michele Cannizzaro, Davide Agosta, Lorenzo Agosta, Vito Paternò, Lorenzo Nicotra, Samuele Verga, Michelangelo Montaldo, Alberto Montaldo.

In tutte e tre era presente, ovviamente, l’intramontabile Michel Zuccalà!

Roberto Quartarone
Twitter: @rojoazul86

1 Commento

  1. L’addio va vissuto in silenzio, ma è naturale e d’obbligo farvi i ringraziamenti x le belle parole scritte nei miei confronti,, grazie al basket Catanese, con Roberto Quartarone, al sito L’umiltà di chiamarsi Minors, al giornalista Livio Giordano, per il suo articolo pubblicato nella prima pagina del giornale La Sicilia, grazie alla società Bidi Basket per l’organizzazione, grazie per la presenza, di un rappresentante della FIP di Catania, grazie ai veterani, ai ragazzi della serie C2, tutti compreso l’allenatore Sabino, grazie al centro Trinacria, per avere ospitato l, evento…

Leave a Reply

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.