Rainbow: è partito il nuovo corso

Deborah Bruni sarà l’allenatrice della Serie B, senza ambizioni di vittoria… Rimangono in quattro più le under… Arrivati due giovani prospetti stranieri… Rimane il nodo dell’impianto…

Deborah Bruni e Marzia Ferlito (foto R. Quartarone)
Deborah Bruni e Marzia Ferlito (foto R. Quartarone)

La Rainbow Catania riparte con un nuovo corso, nuove ambizioni, nuovi progetti. Il ritorno in Serie B coincide con un passo indietro nella caccia alla promozione, costante degli ultimi anni che è coincisa con la vittoria del girone siciliano per tre campionati su quattro ma sempre con una frenata sul traguardo. La squadra quest’anno sarà ringiovanita, senza innesti senior.

«Deborah Bruni farà l’allenatrice della Serie B – afferma il presidente Fabio Ferlitoe vorrei che insegnasse grinta, voglia e precisione alle nostre ragazze. Faremo il campionato senior con le giovani. Ringraziamo per l’impegno Mbombo, Villarruel e Eric, che vanno via. Magari così finalmente perderemo qualche partita, che fa bene alla crescita delle giovani. Tutto il settore giovanile è contrattualizzato e faremo come Rainbow l’U-18 e l’U-16 (allena Marzia Ferlito) e come Nuova Trogylos l’U-20. La società priolese sarà nostra satellite».

Santino Coppa ai tempi della Trogylos
Santino Coppa ai tempi della Trogylos

Il progetto infatti è condiviso con la compagine di Santino Coppa, che è stato confermato come direttore tecnico e responsabile del settore giovanile, ruolo in cui sarà affiancato da Marzia e da Susanna Bonfiglio. «È un progetto simile a quello che feci nel 1990 – afferma Coppa –: da quel reclutamento uscirono giocatrici di A1 e A2, con la punta di diamante Susanna. Sono passati tanti anni, ma la Rainbow può ricreare quell’esperienza cambiando registro. Il progetto diventerà importante se tutte le forze coincideranno, se tutti insieme sfrutteremo ciò che il territorio offre. Saremo un gruppo di persone con intenti sportivi che insieme cercherà di costruire qualcosa che abbia un fine, che possa diventare una bella realtà».

Resta ancora il nodo impianto. Catania al Vertice è stata infatti esclusa dal bando comunale per l’affidamento del PalaGalermo per la mancanza di due documenti nella richiesta. «Non sappiamo se l’esclusione è temporanea o definitiva – riprende Ferlito –, ma sappiamo che continueremo a giocare al PalaCatania e avremo uno spazio al PalaArcidiacono e forse in un altro impianto».

Valentina Parisi (foto D. Anastasi)
Valentina Parisi, tra le giocatrici confermate (foto D. Anastasi)

La squadra ripartirà comunque da quattro punti fermi: «Bruni avrà a disposizione Chiarella, La Manna, Ferlito e Parisi e tutte le giovani dell’anno scorso, con possibili arrivi a sorpresa ma solo under. Ci saranno comunque squadre più attrezzate della nostra. Le novità al momento sono due under di sicura prospettiva». Saranno infatti del gruppo due lunghe di prospettiva su cui si dovrà lavorare, la croata Silvja Grguric (classe 2001, dunque arruolabile per la prima squadra) e la maltese Maya Vella (2002, segnalata da Silvia Gambino). Dovrebbe anche arrivare un’altra atleta.

«Non ho intenzione di fare progetti che non stanno in piedi», chiude Ferlito. Domani è prevista la presentazione interna a Sciarelle.

Roberto Quartarone
Twitter: @rojoazul86

Be the first to comment

Leave a Reply

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*