La Rainbow corre nella stracittadina con la Lazùr

La squadra di Bruni è per tutta la partita avanti… Le squadre non al meglio… Cutugno è tarantolata… Buona verve di Parisi e Spampinato…

RAINBOW CATANIA-LAZUR CATANIA 66-53
PARZIALI: 18-9;31-21; 50-44
RAINBOW CATANIA: Parrinello ne, Magrì 1, Ferlito 12, Capici, Bruno ne, Parisi 18, Marmo 6, Chiarella 4, La Manna 7, Patanè 6, Spampinato 12, Cocina. Allenatore: Bruni.
LAZUR CATANIA: Giordano 3, Privitera 3, Licciardello ne, Scollo , Cutugno 21, Caruso 9, Cardillo ne, Hristova, Messina 1, Lombardo 16, Di Stefano, Granata ne. Allenatore: Catanzaro
ARBITRI: Di Mauro Alex e Attard Luca di Priolo Gargallo

È uno strano derby dell’elefantina, giocato al PalaArcidiacono (in casa lazurina) per l’indisponibilità del PalaCatania. Alla sfida i coach arrivano di pessimo umore: Deborah Bruni perché non ha potuto far allenare la squadra a causa degli allagamenti del suo impianto, Gianni Catanzaro perché gli infortuni falcidiano il suo roster.

Vince dunque chi sta meno peggio, la Rainbow, che conta su tutte le effettive, che si alternano e piazzano da subito un bel break, con un divario crescente. Le ospiti non mollano e la reazione ospite arriva dopo l’intervallo lungo e le showgirl sono Cutugno e Lombardo, entrambe non al 100%: accorciano fino al -4, poi però nell’ultimo periodo la Rainbow dà lo strappo finale trascinata da Valentina Parisi.

«La squadra sta andando bene – commenta Valentina Cutugno, capitana della Lazùr –. Il gruppo è ottimo, ci alleniamo con costanza. Sono contenta del lavoro dei coach Gianni e Davide, le che si stanno impegnando molto. Sono soddisfatta della mia prestazione, raccolgo i frutti del lavoro passato, ho tanta motivazione. Non abbiamo mollato, purtroppo la rotazione era corta, abbiamo ceduto fisicamente. Loro sono più alte, mi sono piaciute molto e rispetto all’andata sono molto diverse».

«Giulia Privitera ha difeso su di me ed è stata molto aggressiva – afferma Valentina Parisi, play della Rainbow –, è stata dura, ho dovuto forzare e svincolarmi per segnare, cercando l’uno contro uno. Siamo state sempre avanti; nel terzo periodo ci hanno pressate e abbiamo subito, ma siamo riuscite a mantenere la calma. Spampinato è grande, quando c’è lei mi sento più sicura, non ha paura, gestisce bene la squadra. Eravamo esauste, senza allenamento per tre settimane, non si può fare di più!»

R.Q.
da La Sicilia del 12/12/2016

Non basta alla Lazur un buon terzo quarto disputato e la sontuosa prestazione di capitan Cutugno (mvp del match con 21 punti all’attivo) per evitare la sconfitta contro la Rainbow nella prima giornata di ritorno del campionato di serie B femminile. Coach Catanzaro iscrive a referto, ma solo per onore di firma, Licciardello e Granata e recupera all’ultimo momento Lombardo, Scollo e Giordano che non avevano effettuato alcun allenamento in settimana per problemi.

Partenza al cloroformio per entrambe le squadre con errori da una parte e dall’altra e con conseguente punteggio bassissimo (3-2 per la Rainbow al 5′); il sostanziale equilibrio viene spezzato sul finale del primo quarto dai falli in sequenza commessi dalle lazurine:  la buona percentuale realizzativa dalla lunetta di Ferlito e compagne, consentono alla Rainbow di chiudere il tempo a proprio favore per 18-9. Sembra manifestare qualche segnale di risveglio in fase offensiva la Lazur ad inizio di secondo quarto ma Lombardo appare troppo discontinua, Hristova si mette in luce solo in fase difensiva e Caruso non sembra nella sua migliore giornata. Così la Rainbow va al riposo lungo sopra di 11 (32-21) mettendo in evidenza la buona verve di Parisi e Spampinato.

Ad inizio del terzo quarto la Rainbow sembra piazzare l’allungo decisivo, portandosi sul + 17; ma viene fuori il cuore Lazur e soprattutto la tarantolata Cutugno che sembra immancabile e sguscia da tutte le parti; Lombardo ritrova discrete percentuali realizzative e Caruso gestisce meglio il gioco offensivo. Così le ragazze del presidente Cicero recuperano punto su punto e chiudono il terzo parziale sotto di 6 (50-44). Equilibrio sostanziale ad inizio del parziale finale con la Lazur che ribatte colpo su colpo alle giocate delle padrone di casa; ma sul finire del tempo le triple di Parisi e Spampinato e l’uscita dal campo per raggiunto limite di falli di capitan Cutugno, dilatano il vantaggio della Rainbow fino al 66-53, punteggio con il quale si conclude il match.

La Lazur spera di recuperare in settimana le atlete alle prese con problemi fisici per preparare al meglio l’importante match casalingo di sabato prossimo contro Rescifina che si giocherà al PalaCus alle ore 16.30.

Comunicato Stampa Lazur Catania

Be the first to comment

Leave a Reply

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*