«

»

Cus Unime corsaro: la Rainbow va a gara-3

Le etnee fermate dalle messinesi… Lombardo spezza la partita… Grandi Patanè, Spampinato e Marmo…

Rainbow – Cus Unime 58-65
Parziali: 14-19, 25-34 (11-15), 42-46 (17-12), 58-65 (16-19).
PalaCus di Catania, 1º aprile, 19:00

Rainbow Catania: Ferlito © 10, Patanè 13, La Manna 5, Parrinello 2, Chiarella 2, Bruno ne, Parisi 6, Spina ne, Caruso 6, Spampinato 12, Marmo 2. All.: Bruni.
Cus Unime: Kramer 7, Borgia 9, Certomà 10, Ingrassia 8, Cascio, Grillo © 1, Licciardello, Lombardo 18, Osso ne, Natale 2, Scardino 9. All.: Buzzanca.
Arbitri: M. Attard e L. Attard. Udc: Cannata, Delle Vergini e Calcagno.

 

Martina Lombardo e Giulia Patanè, le due mvp della partita (foto R. Quartarone)

Quattro punti di distacco, a dieci minuti dal termine, non sono nulla: la partita è apertissima, gara-2 di finale di B è emozionante, equilibrata e tirata. Eppure, l’ultimo periodo inizia con una Martina Lombardo indemoniata: fino a quel momento poco incisiva, l’agrigentina ex Lazùr mette a referto dieci punti consecutivi contro una Rainbow che non sa più come fermarla. È questa la chiave della vittoria del Cus Unime, che comunque è sceso in campo con intensità, difesa asfissiante e perizia in attacco. Le etnee della Rainbow non demeritano, anzi: inseguono per 35’ e non si tirano indietro su alcun pallone.

Il pressing altissimo mette da subito le catanesi in difficoltà, che dopo il 4-3 perdono troppi palloni. La freccia Scardino è un rebus per la difesa rossazzurra, che si carica da subito di falli. Ne approfitta la dinamica play Ingrassia (7-15), ma Spampinato c’è da tre. Le stoppate di una clamorosa Patanè e di Marmo impediscono alle messinesi di scappare e sopperiscono a qualche problema in attacco. Le messinesi però continuano a contenere e correre.

Giulia Spampinato (foto R. Quartarone)

L’intensità aumenta, malgrado gli innumerevoli falli. La Rainbow tenta la rimonta: Patanè è un vero pivot, Spampinato una maga difensiva, Marmo un muro marmoreo. Insieme all’esperienza di Ferlito e Parisi, sembra che l’aggancio sia possibile (37-40). Ma dai liberi le percentuali sono troppo basse e l’ex Borgia ricaccia indietro le speranze etnee. Alla fine, non bastano le triple di Caruso e Spampinato e per limitare il gap creato dalla Lombardo: ci si giocherà il titolo regionale a gara-3. La fase nazionale è già conquistata da entrambe.

Roberto Quartarone
da La Sicilia del 03/04/2017

Che sarebbe stata una partita entusiasmante, questo era già stato annunciato. La serie sembra essere infinita tra le due squadre siciliane, che ormai si conoscono a memoria, ma nonostante questo, garantiscono sempre una certa imprevedibilità nelle soluzioni e negli esiti, ed il solito bel gioco. I ritmi sono alti, la tensione palpabile già nel riscaldamento, e la posta in gioco, oltre alla vincitrice regionale, decide quale squadra andare ad affrontare nella prima fase finale nazionale, della corsa alla promozione in serie A2. Secondo le D.O.A., la vincente di domenica tra Rainbow e Cusunime, andrà a scontrarsi con la seconda del girone Campania, in questo caso Scafati, mentre la squadra che dovesse uscire sconfitta, se la vedrebbe con la prima del girone Campania, nei quarti di finale play off, il P.G.S. Don Bosco Napoli.

Palla a due e La Manna trova il primo centro, tra qualche palla persa iniziale di Messina. Le due difese sono ben schierate sin da subito, e la marcatura a uomo di certo rende lo spettacolo più frizzante. Scardino non perde tempo per accendere gli animi con una tripla precisa. Subito colori accesi tra il pubblico numeroso, anche tra le file messinesi, e le panchine. Palle perse ora per Catania in qualche azione, ma Parisi ne recupera un paio importanti in questo frangente. La partita è tiratissima e gli arbitri fischiano tanto da entrambe i lati, fermando spesso il gioco. Sull’ennesimo libero del Cusunime, e una volta subito il primo sorpasso, Coach Bruni chiama time out e dà il primo scossone alle sue ragazze. Caruso entra al posto di Spampinato, e subito dopo Patanè, top scorer del match con 13 punti ed una buona prestazione, è costretta ad uscire dal campo per qualche minuto, per un colpo forte subito al volto, lasciando il posto a Marmo. Ancora falli per Catania, e prima Scardino, poi Ingrassia, ed infine Kramer, allungano sul più 6, mentre il gioco si fà veramente duro e fisico, e manterrà queste caratteristiche fino alla fine. Catania soffre il pressing inflitto dalle messinesi, e fa un pò fatica a reagire con i modi che di solito la contraddistinguono. Adesso i falli arrivano anche per Messina, mentre capitan Ferlito si fà vedere in difesa e nei rimbalzi, oltre che in un paio di recuperi importanti. Ma dall’altro lato non ci si ferma, e Coach Buzzanca chiama time out sul più 8. Marmo non ci stà, e dà un colpo di reni: assist per Spampinato, che mette la tripla e ritrova la determinazione insieme al resto delle sue compagne. Primo quarto 14\19. Il secondo parziale vede già protagonista una Lombardo, che sarà pedina fondamentale per la vittoria finale di Messina. Tra un ping pong e l’altro di canestri e di fischi arbitrali, Coach Bruni è costretta a tenere in panchina La Manna e Chiarella, già cariche di falli, e le preserva per i minuti successivi: Turn over, e vari tentativi di riavvicinarsi sul tabellone ed in campo alle avversarie, con più attenzione e cattiveria. Si và però alla sirena della pausa lunga sotto di 9. Terzo quarto, Messina scappa, Patanè accorcia attenta nell’uno contro uno. Ma sono 11 i punti di distacco adesso nel gap sul tabellone, e un pò di bassa tensione in casa rossoazzurra. A questo punto le reazioni individuali contano  e capitan Ferlito ha la mano calda, e la voglia di far girare la ruota nella direzione opposta. Sua la bomba e l’assist successivo di Chiarella per Patanè. 32\38, ma Certomà è li sul pezzo, subisce fallo su canestro buono e costringe Chiarella alla panchina con 5 falli fatti. La Rainbow adesso è più veloce e reattiva in difesa e in contropiede, e realizza con Spampinato, penetrando in corsa la retroguardia avversaria, ma sono ancora troppi gli errori sulla bilancia. Borgia e compagne, costruiscono proprio sugli errori di Catania, e ad aiutare a risalire sul tabellone sono i liberi più volte. Coach Bruni chiama time out sul 36\40. Si rientra in campo e la Rainbow risponde subito alle indicazioni del coach. Il gioco è parecchio agonistico e fisico, le fasi sono concitate, parecchi gli scontri fisici, e Marmo in uno di questi cade prendendo un brutto colpo alla spalla, e lascia il parquet per qualche minuto, sul 40\43. Si registrano una tripla di Borgia, e la reazione grintosa della Rainbow prima con Patanè, poi con Parisi e Ferlito, in fine con Spampinato, che sale in doppia cifra, e riscalda gli animi dei tifosi e delle compagne, portando il punteggio a meno 2 e tanta voglia di riaggancio. Ma non basta. Ogni parziale sembra interminabile, gli arbitri e i loro fischietti, si notano quasi più delle squadre in campo. Mentre Messina non concede e non cede, e va all’ultimo parziale sul più 4, 42\46. Rush finale, ed il Cusunime viaggia sul nome di Lombardo, e dei suoi 18 punti finali, e sulle giocate di Kramer, Ingrassia, Certomà e Borgia. Scardino esce per 5 falli, mentre dall’altro lato per Catania, rientra La Manna e si fa notare subito quanto sia pesata la sua obbligata assenza dal campo fino a quel momento. Assist suo per Ferlito, che mette la tripla, seguita a quella di Spampinato a meno 4,25 dalla sirena finale. Minuti finali al solito cardiopalma, tra due emozionanti triple successive di Caruso, e quella determinante di Kramer che, a meno 1,37, sigilla il risultato sul 58\65. Appuntamento per la terza e decisiva partita domenica 9 Aprile, alle 18.00, al Palanebiolo di Messina.

Maria Luisa Lanzerotti

Rainbow Catania

142 visite

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Puoi usare i seguenti tag ed attributi HTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>