Rainbow, le illusioni finiscono contro Scafati

Trentello di scarto a favore delle campane, i play-off per l’A2 si chiudono qui per le catanesi di coach Deborah Bruni…

Rainbow – Scafati 49-79
Parziali: 14-27, 27-49 (13-22), 36-68 (9-19), 49-79 (13-11).
PalaCatania di Catania, 29 aprile, 17:00

Rainbow Catania: Parrinello 1, Spina ne, Magrì 1, Ferlito 8, Caruso 11, Bruno, Parisi 12, Marmo 2, Chiarella 12, La Manna 2, Patanè, Spampinato ne. All.: Bruni.
Givova Ladies Scafati: Sicignano, Iozzino 11, Busiello 2, Carotenuto 11, Favilla 5, Scala 6, Serra 5, Negri 32, De Michele 5, Di Michele ne, Donnarumma ne, Liuzzi 2. All.: Ottaviano.
Arbitri: Resca e Savelli. Udc: Delle Vergini, Cosentino e Gigliuto.

 

La vittoria di quattro punti in trasferta aveva illuso le catanesi. Un’illusione dolce, ma pur sempre la fata morgana di un’impresa irrealizzabile: andare in semifinale play-off di Serie B, per sfidare il BF Varese, e superare la corazzata campana da assoluta outsider.

A inizio campionato, nessuno si sarebbe aspettato la vittoria del girone siciliano di Serie B della Rainbow: eppure è arrivata. E neppure pareva possibile una vittoria in trasferta nell’andata dei quarti, partendo da -16 all’intervallo: eppure è arrivata. L’ultima impresa non si è compiuta.

Davanti al drappello di pubblico giunto al PalaCatania (con una quindicina di tifosi ospiti), Scafati disputa una partita perfetta, travolgente, con percentuali bulgare al tiro e un’intensità che tramortisce le irriconoscibili etnee. La protagonista assoluta è Barbara Negri, ala mobilissima, che nessuno riesce a marcare.

Si gioca in equilibrio per pochi minuti. Francesca Chiarella tiene le sue dalla media distanza, ma Iozzino e De Michele scappano (4-8). Le due triple di Valentina Parisi ridanno il pari (14-14), poi inizia lo show scafatese. 0-13 di break, Iozzino dispensa assist, Negri spadroneggia. Bruni prova a mischiare le carte, ma non c’è niente da fare: non si salva nessuna dal naufragio, con il crollo fino al -32.

Roberto Quartarone
da La Sicilia del 01/05/2017

Be the first to comment

Leave a Reply

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*