Crespi: «Allarghiamo la base della Nazionale»

Due giorni di allenamenti a Ragusa per il nuovo allenatore della Nazionali… Presente la catanese Formica, a disposizione l’ex Lazùr Milazzo…

Marco Crespi all’Opening Day (foto R. Quartarone)

Oggi e domani la Nazionale femminile si allena a Ragusa. È il primo raduno del post-Capobianco, con il nuovo coach Marco Crespi in prima linea per conoscere le giocatrici e testarle. Ha convocato 20 giocatrici, con altre 10 a disposizione. Due sono siciliane, entrambe ex Lazùr Catania: Alessandra Formica, sempre presente, e Ilaria Milazzo, per ora solo a disposizione e reduce da una gran partita all’Opening Day. Proprio alla manifestazione d’apertura dell’A1 c’è la possibilità di chiacchierare con il coach ex Siena.

«Sicuramente l’Opening Day è stata una manifestazione interessante – esordisce -, è un punto di ritrovo, una sorta di fiera del campionato femminile. Ci sono giocatrici italiane, straniere, giovani e meno giovani interessanti. Si arriva dall’impatto emotivo dell’ultimo Europeo e dobbiamo cercare tutti di migliorare dell’1%».

Oggi e domani il PalaMinardi si è aperto alle Azzurre: «Gli allenamenti sono a porte aperte – prosegue Crespi –. Sono i primi allenamenti del nuovo percorso e nella scelta delle giocatici ho selezionato quelle meritevoli: non conta la categoria (due sono dell’A2) né l’età (Fassina è ’99), non conta l’altezza. L’obiettivo della mia guida tecnica è allargare quanto più possibile la base delle nostre giocatrici, dando a tutte una motivazione e una speranza».

Lo sguardo però non può che andare sulle giovani, ma anche sulle stelle affermate… «Zandalasini tornerà presto a Schio – chiude Crespi – e sono in contatto continuo con Sottana che sta giocando molto bene a Montpellier. Sulle giovani, presentiamo il progetto del “Contagio Azzurro” ai presidenti delle società, ho il benestare del presidente Petrucci, andiamo avanti, siamo contenti, vogliamo essere sempre operativi».

 

Domani l’allenamento sarà dalle 9:30 alle 12:30. L’esordio dell’Italia avverrà l’11 novembre contro la Macedonia, le altre avversarie del girone sono Croazia e Svezia: bisogna vincere il girone o essere tra le migliori seconde per andare all’Europeo in Serbia-Lettonia 2019.

Roberto Quartarone
Twitter: @rojoazul86

//pagead2.googlesyndication.com/pagead/js/adsbygoogle.js

Lascia un commento

Your email address will not be published.