Adrano respinge le accuse del Castanea

Sampieri: «Razzismo? Mai fatto un coro, solo tre ragazzini fuori dall’ambiente, richiamati. Mi scuso, siamo sensibili»…

EPISODIO ISOLATO DI RAGAZZINI CHE NON C’ENTRANO NULLA CON L’ADRANO BASKET. MA QUALE RAZZISMO, LA NOSTRA SOCIETA’ HA VALORI MORALI INATTACCABILI.

Sul campo ha vinto Adrano ma a distanza di 48 ore molti siti on line che si occupano di basket, stanno ribattendo il comunicato stampa del Castanea, apparso nella pagina facebook della società peloritana dove l’ufficio stampa del sodalizio messinese parla di un episodio di razzismo nei confronti di un loro tesserato Diallo subito dopo la pausa lunga. Quell’episodio, secondo quanto si legge, avrebbe poi condizionato la gara.

Chiariamo subito una cosa fondamentale se non si rischia che la questione s’ingigantisca in maniera esponenziale e sfugga di mano a tutti e la nostra società, che si è sempre distinta per correttezza nell’ambiente cestistico siciliano, finisca travolta dalla macchina del fango che è già partita ed è difficile da arrestarei. L’episodio a cui si riferisce il comunicato stampa del Castanea non c’entra nulla con l’ambiente Adrano Basket, in quanto quelle frasi sono state pronunciate da 3 ragazzini che evidentemente non hanno capito il senso delle loro scellerate parole. I protagonisti di queste frasi sono stati immediatamente allontanati dal nostro Presidente Giorgio Sampieri che si trovava nelle tribunette della Tensostruttura ad assistere al match.

Sia chiaro: la nostra società condannerà sempre tutti quegli episodi che non hanno nulla a che fare con lo sport. La nostra società è sempre impegnata nel sociale, ed ha come scopo principale quello di formare buoni cittadini che abbiamo sempre uno spiccato senso civico e rispetto verso tutti. Ecco uno stralcio del comunicato diffuso dal Castanea:” Proprio durante l’intervallo lungo avverrà un episodio che condizionerà il resto della gara, proprio il giovane Diallo protagonista della gara fino a quel momento, è stato oggetto di una violenza verbale a sfondo razziale, segnalata dalla sua squadra agli arbitri, che ha indispettito i suoi compagni protesi a difenderlo. Lo staff del Castanea, pur non volendo colpevolizzare l’intero ambiente dell’Adrano Basket, ha voluto condannare il triste episodio che vede al centro della scena mal volentieri un suo giovanissimo atleta sempre encomiabile nei comportamenti e che sin dalla sua tenera età si è ben inserito nel tessuto sociale della nostra città”. Nel comunicato si legge chiaramente “pur non volendo colpevolizzare l’intero ambiente dell’Adrano basket”, ecco basta questo piccolo ma fondamentale passaggio per far luce sulla questione che tradotto significa: L’ADRANO BASKET NON C’ENTRA NULLA CON QUESTO EPISPODIO, ANZI LO CONDANNA FORTEMENTE.

E sulla vicenda arriva anche una dichiarazione del nostro Presidente: «Come presidente dell’Adrano basket mi scuso da parte di tutto l’ambiente. Detto questo, va tutto riportato alla verità. Essendo presente negli spalti posso assicurare che la grande tifoseria presente non ha MAI fatto nessun coro razziale, è anche vero che 3 ragazzini si sono permessi di farlo ed io li ho personalmente richiamati invitandoli anche ad uscire fuori. Noi in società abbiamo un giovane di colore che per noi e tutti i tifosi è una persona speciale, quindi è lontano da noi questo modo di pensare. Dispiace leggere queste accuse fomentate da chi forse non sa o non c’ era. Mi scuso nonostante questo, noi come società siamo molto sensibili a qualsiasi forma di violenza verbale o fisica, ma essendo seguiti da centinaia di persone ogni domenica, qualche ragazzo fuori dall’ambiente può compromettere la dignità di tutta la società».

UFFICIO STAMPA ADRANO BASKET

Be the first to comment

Leave a Reply

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*