Il nuovo corso della Lazùr inizia alla grande

Caltabiano: «Campionato da vivere senza pressioni, per divertirci»… L’ex Lombardo mvp… Il record di Amalia Desi…

Lazùr – La Fenice 78-35
Parziali: 15-8, 31-16 (16-8), 51-26 (20-10), 78-35 (27-9).
Leonardo da Vinci di Catania, 19 novembre, 18:00

Lazùr Catania: Condarelli 7, Scaccianoce 2, Indorato 8, Hristova ©, Pafumi 7, Cardillo 8, Cardea 11, Amara 15, De Lucia, Desi 20. All.: Caltabiano.
La Fenice Pallacanestro: Lombardo 24, Sanfilippo, Grenci 2, Morreale © 3, Sciangula 4, Romano, Chiarelli 2, Falletta, Latino ne. All.: Brancato.
Arbitro: Ettore Foti.

Cardillo e Hristova contendono un rimbalzo (foto R. Quartarone)

Inizia più che bene la rinnovata Lazùr di coach Davide Caltabiano, schierata al Leonardo da Vinci con le vecchie maglie e un roster quasi totalmente rinnovato. Le catanesi vincono nettamente sulla giovanissima La Fenice, squadra agrigentina che si divide tra il capoluogo, Ravanusa e Canicattì. Nelle file ospiti si rivede Flavia Lombardoche ha giocato con la Lazùr per un biennio e migliore in campo.

Oltre alla veterana Hris Hristova, capitana intramontabile delle fucsiablù, sono tornate in campo Giorgia Condarelli e Francesca Indorato, protagoniste nelle serie superiori, oltre allo zoccolo duro giarrese (Cardillo, Cardea e Pafumi) e altre ragazze giovanissime e che si affacciano per la prima volta tra le senior. Tutte promosse sul campo all’esordio, soprattutto Amalia Desi: l’ala 19enne (e arbitro) segna 20 punti all’esordio tra i senior, facendo meglio di Giulia Spampinato che ne ha messi 17 l’anno scorso. È record per una catanese almeno dal 2011, periodo in cui si hanno dati più certi.

«Mi serviva avere un gruppo con ragazze mature che potessero date molto alle più piccole – spiega coach Caltabiano -. Ho fatto l’Under-18 l’anno scorso e avevo interesse che potessero convivere con le nuove, comprese alcune ragazze che stanno iniziando ora. Il gruppo sarà al completo presto, ne mancavano quattro contro La Fenice. È un campionato da vivere senza pressioni, vogliamo divertirci, mantenere il gruppo e il mio obiettivo è dimostrare che la Lazùr esiste, c’è, abbiamo fatto tanto e siamo arrivati ad oggi e le ragazze ci stanno mettendo passione. È una nuova esperienza per me, mi sono trovato bene e mi sono battuto per la squadra: sono carico e contento».

Roberto Quartarone
Twitter: @rojoazul86

Be the first to comment

Leave a Reply

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*