Cus regge 25′, poi il Cocuzza prende il volo

Toto e Varotta con i controfiocchi… Mazzoleni: «Vogliamo migliorare nel gioco di squadra e nella coesione»…

Cus Catania-Cocuzza 75-98

Cus Catania 2003: Lo Faro 10, Corselli, Arcidiacono 2, Vasta, Cuccia 14, D. Fichera 1, Monastra 3, Corallo, Alescio 20, A. Fichera 2, Baldelli, Mazzoleni 23. All.: Russo.
Cocuzza San Filippo: Costantino 7, Varotta 31, Toto 23, Porcino 2, Cassisi 6, Albo 2, Spanò, Siracusa 2, Polekauskas 23, Cocuzza, Scilipoti 2. All.: Li Vecchi.
Arbitri: Cappello e Abate.
Parziali: 21-30, 47-47, 57-72.

Corallo e Cuccia (foto R. Quartarone)

25 minuti buoni non bastano a un Cus Catania che paga altezza e nervi contro il Cocuzza. Trascinati dal duo d’esterni con i controfiocchi Varotta-Toto e dal lungo Polekauskas, i sanfilippesi soffrono la dinamicità di Lo Faro e Alescio, i tiri pesanti di Cuccia e il talento di Mazzoleni, ma dopo l’espulsione di Lo Faro prendono il largo.

Mazzoleni affronta Polekauskas (foto R. Quartarone)

«Quest’anno ho preso confidenza – spiega il 16enne Nicolò Mazzoleni, mvp dei suoi –, ho più minuti da giocare, così è più facile. Credo che il livello della Serie C sia più basso degli anni passati, con qualche innesto in più sotto canestro avremmo potuto piazzarci meglio. Ora vogliamo migliorare il gioco di squadra e la coesione, dobbiamo limitare gli errori di distrazione e tecnici. Anche in Under-18 d’Eccellenza è difficile, giochiamo contro settori giovanili di Serie A, siamo senza lunghi. Abbiamo vinto con Agrigento e speriamo di giocare bene contro Trapani e Barcellona».

Roberto Quartarone

da “La Sicilia” del 04/12/2017

Be the first to comment

Leave a Reply

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*