La Lazùr fa suo il derby per il 2º posto

L’Ecoil batte il Cus (22-1 dopo 13′!) e si issa nella parte alta dei play-off… Caltabiano: «Gruppo fantastico, ai play-off con serenità ed entusiasmo»…

Adele Amara, topscorer della partita (foto R. Quartarone)

Sabato la Lazùr Ecoil Catania ha battuto il Cus Catania e si è assicurata il secondo posto della Serie C femminile. Il terzo capitolo stagionale della stracittadina etnea è stato dominato dalle fucsiablu di coach Davide Caltabiano, che hanno dimostrato una notevole crescita. Soprattutto hanno vinto la scommessa di non far scomparire la storica società catanese, l’unica che possa vantare due scudetti giovanili in provincia, con un progetto nuovo ripartito dalla base.

«Sono molto soddisfatto per come le ragazze hanno approcciato la partita – spiega il coach –, sia per l’atteggiamento che per come hanno fatto girare il pallone. Se ti seguono, non puoi che essere contento. Il gruppo è fantastico perché le ragazze si trovano bene, le grandi e le piccole hanno feeling. Affronteremo i play-off con entusiasmo e serenità, incontreremo di nuovo il Cus che è un’ottima squadra e sabato ha avuto una giornata storta. Faremo del nostro meglio per migliorarci».

Martina De Lucia e Hris Hristova (foto R. Quartarone)

Il Leonardo da Vinci è stato teatro anche del tentativo di rimonta del Cus Catania, che non s’è fatto abbattere dal parziale di 22-1 dopo 13’ ed è giunto fino al 54-33 finale. Senza coach Laudani, le cussine si sono autogestite. Anche loro hanno un progetto ripartito da zero: il Cus è tornato in campo dopo 17 anni e Stella Di Stefano ha costruito un gruppo omogeneo, con un passato comune alla Lazùr e alla Rainbow. Il terzo posto rimane un buon punto d’inizio.

La vincente sfiderà probabilmente la campionessa della regular season, la Virtus Trapani: anche le gialloblù hanno riportato il basket nel capoluogo a distanza di molti anni (11, per l’esattezza), hanno le veterane Valeria Grigano e Federica Magaddino come stelle e Martina Messana e Giorgia Lombardo come astri nascenti.

Ancora è da designare l’altra semifinalista: sarà una tra Augusta, Ravanusa/Canicattì e Ragusa, che si giocheranno nelle ultime tre giornate il 4º posto. Da segnalare tra le agrigentine Flavia Lombardo, la miglior marcatrice del girone con 24 punti di media.

La photogallery su Basket Catanese @Facebook

Roberto Quartarone

da “La Sicilia” del 19/02/2018

Be the first to comment

Leave a Reply

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.