La Rainbow si conferma prima: 51-38 al Cus Unime

Bruni: «Oggi siamo contenti, lascio stare le ragazze, ma già da domani devono tornare a concentrarsi sui play-off perché la semifinale sarà tosta»…

RAINBOW – CUS UNIME 51–38

RAINBOW CATANIA: Parrinello; Nucera 3; Ferlito 2; Caruso 9; Costi; Bruno 3; Chiarella 7; Lombardo 3; La Manna 14; Lewis 10; Rasino. Coach: Bruni
CUS MESSINA: Rabe ne; Boncompagni 3; Kramer 6; Borgia 16; Scardino 3; Zagami; Polizzi; Mazzullo ne; Grillo 4; Pellicanò; Cascio 6. Coach: Zanghì
ARBITRI: De Cillis e Di Mauro. Udc: Luppino e Panebianco.
PARZIALI: 13-8; 21-18; 34-26.

Per il secondo anno di seguito la Rainbow Catania Basket vince la Serie B siciliana femminile, al termine della fase “ad orologio” del campionato. Le ragazze di coach Deborah Bruni, di scena tra le mura amiche del Palazzetto di San Pietro Clarenza, hanno avuto la meglio sulle rivali del Cus Messina per 51-38.

Pronti via scatta avanti il Cus Messina, che mette tre punti con Boncompagni. La reazione della Rainbow, però, è pronta: le ragazze arcobaleno, dopo l’1 su 2 di Chiarella dalla lunetta, allungano con i liberi della Lewis, che mette anche a segno il primo “+3” della partita. Le messinesi rispondo per le rime con Giulia Borgia, a segno da tre punti, firmando il controsorpasso, annullato da La Manna, Chiarella e Nucera, che fermano il primo parziale sul 13-8, per le catanesi.

Nella seconda frazione le cussine accorciano, portandosi sul 18-16. A ristabilire le distanze ci pensa Lidia Bruno, che becca la “botta da 3” a due minuti dallo scadere, prima del canestro della Scardino, per le peloritane,per il 21-18 complessivo, alla pausa lunga. Dopo il cambio campo le due squadre continuano a lottare punto a punto. Le ragazze arcobaleno piazzano il break a poco più di due minuti dal termine del periodo, con i centri di Chiarella e Caruso, che allungano sul 34-24, prima che Cascio accorci, con due liberi, a dieci secondi dalla sirena.

E’ ancora Cascio, in apertura dell’ultimo quarto, accorciare il gap ad appena sei punti. Le etnee, però, assorbito il colpo, chiudono la gara in meno di due minuti: prima colpisce Nucera, poi Caruso trascina la Rainbow al “+13”, mettendo nel conto anche una tripla. Il Cus Messina resta in partita, ma senza riuscire più ad avvicinare Ferlito e compagne, che nel finale vedono anche i primi punti casalinghi della neo arrivata Lombardo.

A fine gara coach Bruni commenta soddisfatta: “E’ stata una partita facile perché le ragazze erano tutte motivate a far bene. Ora possiamo dire definitivamente di aver vinto il campionato. Ci tengo a sottolinearlo perché i sacrifici fatti da tutti noi sono stati veramente tanti. Abbiamo avuto infortunate gravi ed operate, dirigenti che lavorano, tutta una serie di persone che ci sta accanto, lavorando dietro le quinte. Quindi tengo a dire che, per il secondo anno, il nostro team, dalle ragazze ai dirigenti, ha vinto il campionato siciliano”. Lo sguardo dell’allenatrice etnea si proietta, poi, sui play off imminenti: “ritroveremo subito il Cus Messina, a prescindere dall’esito dello scontro tra Trogylos e La Fenice. Mi aspetto una partita tosta, perché ho fatto tanti play off da giocatrice e so che sono tutta un’altra cosa rispetto al campionato. Oggi siamo contenti, lascio stare le ragazze, ma già da domani devono tornare a concentrarsi perché la semifinale sarà tosta”.

Top scorer della gara, in casa Rainbow Catania, Giuliana La Manna, autrice di 14 punti.

 

San Pietro Clarenza 14/03/2018

 

Comunicato stampa Rainbow Catania

Be the first to comment

Leave a Reply

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.