U-18: Alfa campione provinciale, Cus rimontato

La squadra dei coach Enrico Famà e Mario Condorelli piega, con una prestazione maiuscola, il Cus Catania “B” in gara 2 conquistando l’accesso ai quarti di finale del torneo regionale di categoria…

Ci sono partite dove conta solo il gruppo. Gare nelle quali a fare la differenza è il gioco di squadra, dove le qualità individuali si esaltano nel collettivo e dove prevale l’amore per la maglia, il carattere e il cuore. Oltre alla tecnica e alla tattica. Ci sono incontri dove bisogna scendere in campo con gli “occhi della tigre”, affamati e vogliosi di conquistare qualcosa di importante. Per l’Alfa Basket Catania Under 18 non era semplice ribaltare la sconfitta subita, in gara 1, contro il Cus Catania “B” nella finalissima provinciale. Al PalaCus successo dei locali per 62-43. Gli alfisti sbagliano l’approccio alla gara; primi due parziali da dimenticare in fretta. Primo periodo chiuso sul 10-1 per i cusini con il miglior attacco del torneo (quello alfista) capace di realizzare un sol punto. Secondo quarto concluso sul 24-9 per il Cus Catania “B”. Dal terzo parziale in poi l’Alfa inizia a recuperare, ma non basta. Troppa tensione e tutti cercano di risolvere individualmente la partita. Questo lo score alfista: Dinolfo, Russo, Pappalardo, Formica 2, Guastella ne, Costanzo 18, Patanè 4, Colletta, Garufi 13, Sortino ne, La Manna 6, Guglielmino ne.
In gara 2 capolavoro alfista. Partita perfetta chiusa sul 65-35 per i ragazzi allenati dai coach Enrico Famà e Mario Condorelli. Ritmo infernale fin dal primo parziale. Tutti lottano, pressano per 40 minuti ribaltando il -19 della prima sfida. Primo periodo con l’Alfa avanti per 20-11. Nel secondo parziale, il Cus si scuote con un ispirato Cuius, che tiene a galla i suoi (32-24 per l’Alfa). I padroni di casa non mollano un centimetro neanche nel terzo quarto di gioco. Pressing a tutto campo, difesa a zona con raddoppi in angolo, tripla di Costanzo e due contropiedi di Dinolfo permettono ai rossazzurri di arrivare a +14. Nell’ultimo parziale l’Alfa si esalta. Tutto il lavoro di un anno racchiuso in 10 minuti: difesa impenetrabile, contropiedi e gioco veloce. Poi via a festeggiamenti per la conquista del titolo provinciale.
“Complimenti a tutti i ragazzi – afferma il tecnico dell’Alfa Under 18, Enrico Famà -. Adesso però dobbiamo resettare tutto e concentrarci sui quarti di finale della kermesse regionale. Per me e per Mario Condorelli, che è stata una vera guida educativa in questi otto mesi, è una grande soddisfazione prendere parte alle finali regionali con un gruppo nuovo. Siamo stati tormentati dagli infortuni per tutta la stagione. Facciamo un grande in bocca al lupo a Francesco Gemmellaro, che in settimana è stato operato a Bologna dal professore Lelli per la rottura del crociato. Complimenti anche al Cus Catania “B”, un gruppo formato da quasi tutti atleti classe 2002, che hanno dimostrato di possedere tante qualità e di avere un futuro radioso davanti. Chapeau a coach Guadalupi e a tutti i ragazzi”.
Questo il tabellino dell’Alfa in gara 2: Dinolfo 6, Anastasi ne, Russo 10, Garufi 10, Pappalardo 6, Formica, Di Mauro ne, Costanzo 19, Patanè 8, Guglielmino, La Manna 6, Colletta. Ecco il roster completo dell’Under 18 alfista campione provinciale: Fabio Anastasi (2000), Alessio Colletta (2001), Daniele Costanzo (2000), Matteo Di Mauro (2001), Lorenzo Dinolfo (2000), Cristian Formica (2001), Ettore Foti (2000), Peppe Garufi (2001), Francesco Gemmellaro (2000), Alberto Guastella (2000), Luigi Guglielmino (2001), Teodoro Pappalardo (2001), Gabriele Mauro (2000), Gabriele Patanè (2001), Alfio Russo (2000), Mirco Spampinato (2000), Francesco Sortino (2003), Peppe La Manna (2003), Francesco Raimondo (2000) e Emiliano Mazzone (2000). Allenatori: Enrico Famà e Mario Condorelli.
“Bravi tutti i ragazzi – dichiara il direttore generale dell’Alfa, Carmelo Carbone -. Meritavano questo successo dopo aver condotto in testa il campionato. I giocatori sono riusciti a trasformare la rabbia della sconfitta d’andata in energia positiva nella partita di ritorno. Una citazione particolare a Gabriele Patanè e Lorenzo Dinolfo reduci da infortuni, che hanno saputo stringere i denti e mettersi a disposizione del gruppo disputando un’ottima partita. Onore al Cus degno avversario di questa finale provinciale”.

Addetto stampa​
Polisportiva Alfa Catania​
Umberto Pioletti

Be the first to comment

Leave a Reply

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*