PalaGalermo, ancora un appello (nel vuoto)

Il consigliere di municipalità Buceti: «Continuo trafugare di materiale, occorre intervenire subito prima che non resti più niente da recuperare»…

A quasi un anno dalla mia ultima segnalazione niente è cambiato all’interno e all’esterno del PalaGalermo di Trappeto Nord. L’amministrazione comunale parla di un progetto di riqualificazione. Promesse che non si tramutano in fatti concreti e nel frattempo l’opera di distruzione all’interno dell’impianto è più attuale che mai. Un continuo trafugare di materiale ferroso e un continuo distruggere l’arredo urbano che può essere fermato solo con la presenza di custodi durante l’arco dell’intera giornata, notte compresa, e non con sporadiche apparizioni di qualche dipendente comunale come avviene attualmente.

Una foto del parquet (foto E. Buceti)

Perchè l’amministrazione non riesce a comprendere il semplice concetto che un impianto senza vigilanza è un impianto consegnato alla microcriminalità? Più volte il sottoscritto Erio Buceti, consigliere della municipalità di “Cibali-Trappeto Nord-San Giovanni Galermo”, ha chiesto all’amministrazione comunale che fine abbiamo fatto i progetti per il recupero di un sito di vitale importanza per l’aggregazione e la socializzazione, non solo di Trappetto Nord, ma degli altri quartieri della nostra circoscrizione sempre in bilico tra riscatto e degrado come San Nullo e Nesima. Trincerarsi dietro la solita questione legata agli iter burocratici lunghissimi non può essere una giustificazione.

Occorre intervenire subito prima che non resti più niente da recuperare. L’impianto va affidato alle società e alle federazioni che possono fare realmente la differenza nel nostro territorio. Molte di loro avrebbero perfino cura di creare un settore giovanile con i ragazzi del quartiere tenendoli lontani dalle tentazioni della strada.

Oggi il PalaGalermo è un impianto affidato solo ai ladri ed ai vandali che continuano a depredare e a devastare indisturbati. Fino a quando si potrà andare avanti con questo andazzo? Domanda che merita una risposta immediata perché lo chiede la cittadinanza. Oggi non si parla più nemmeno dei 30.000 euro che Palazzo degli Elefanti, quasi due anni fa, ha dichiarato di stanziare per sistemare l’impianto elettrico e gli arredi della struttura. 

Erio Buceti
Consigliere della IV municipalità Catania

Be the first to comment

Leave a Reply

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*