Gara-1 dominata dall’Alfa, Eagles ridimensionata

Al Leonardo Da Vinci, la squadra di coach Bianca supera nettamente l’Eagles Basket Palermo per 100-61. Grande gara di Signorello, autore di 13 punti

 ALFA BASKET CATANIA 100
EAGLES BASKET PALERMO 61

 Alfa: Gottini 12, Ferrara 4, Signorello 13, Consoli ne, Riferi 5, Agosta 7, Florio 12, Patanè 2, Arena 2, Kolonicny 16, Dauksys 12, Abramo 15. All.: Bianca.
Eagles: Ranalli 6, Rappa 3, Bruno 9, Vranjkovic 23, Bagnasco 4, Levron, Giardina 16, Amato, Tagliareni ne. Allenatore: Priulla.
Arbitri: Attard di Priolo e Massari di Chiaramonte Gulfi.
Parziali: 25-20, 50-34, 83-53.

Jan Kolonicny (foto G. Lazzara)

+39 non è la temperatura, che proprio sabato è calata, ma la differenza di punti tra le due finaliste della C Silver siciliana. A settembre, nessuno avrebbe previsto che la finale Alfa-Eagles (quotata dai bookmakers non più di 1,5 a 1) sarebbe stata così poco combattuta. 15’ di apparente equilibrio, poi il crollo verticale: l’Alfa ha disputato una partita mostruosa, con circolazione di palla, azioni veloci, contropiede e schiacciate, assist, difesa accorta. Ferrara e Signorello sono alla miglior prestazione stagionale, Dauksys immarcabile, Kolonicny impeccabile e Gottini e Agosta una delizia per gli occhi.

L’Eagles ha mille attenuanti… e nessuna: capitan Dragna non c’era, Tagliareni e Levron sono rimasti in panca per infortuni, coach Priulla ha avuto parole di fuoco nei confronti della società, dato che le ambizioni si sono via via sfaldate nel corso dell’anno (così come il roster), ma non solo. «Sono contento di chi c’era – spiega –, ma sono rimasto male per questa trasferta perché ho avuto una delusione umana. Quando si forma un gruppo e ci sono delle difficoltà vanno affrontate insieme, stiamo lottando, sapevamo che non potevamo far molto viste le serie precedenti, ci stiamo allenando per le finali nazionali».

Pronti, via e i rossazzurri piazzano il 13-2. Quest’ottima partenza la dice lunga sull’andazzo della gara, anche se Vranjkovic e Bruno provano a riscuotere i compagni e rientrano fino al -2. Poi c’è ben poco da commentare, se non elogiare un’Alfa che fa sempre più la voce grossa, coach Bianca che mette in campo tutti, capitan Signorello che dà spettacolo.

Matteo Gottini (foto G. Lazzara)

«Abbiamo lavorato per dare il meglio, è un ottimo risultato della squadra – esulta Andrea Bianca –. Benissimo tutti, da chi ha più esperienza a chi ha avuto sinora uno spazio diverso. Abbiamo dimostrato di saper tenere il campo, nell’ultima partita in casa e in una delle più importanti gare della storia dell’Alfa. Gianmarco è uno dei miei pallini e merita quello che ha preso stasera, si è allenato sempre con abnegazione. Gara-2 sarà diversa, l’Eagles farà una grande partita».

Proprio Signorello è il protagonista della mixed zone: «È una bella emozione – sorride –, si lavora duramente in settimana, sono contento di aver fatto questa prestazione, sono contento per la squadra, stiamo portando avanti un sogno che si chiama Serie B. Il progetto dell’Alfa è importante, c’è un bel movimento, è giusto lavorare e crescere».

«È stata una partita giocata bene – parla il gm Carmelo Carbone –, bel giro palla, tutti hanno fatto la loro parte. Grande merito per Signorello e Patanè. La partita ci fa ben pensare per le finali nazionali».

Roberto Quartarone

da “La Sicilia” del 30/04/2018 

Gianmarco Signorello (foto U. Pioletti)

Prima finale all’Alfa Basket Catania. In un Leonardo Da Vinci ribollente di tifo, la squadra catanese dà spettacolo e supera l’Eagles Basket Palermo con il netto finale di 100-61. Domenica, a Palermo, si disputerà gara 2. Partita intensa, con gli alfisti che comandano il gioco fin dall’avvio. Palermo, senza Dragna e Tagliareni, subisce il ritmo rossazzurro con Ferrara e Arena ad alternarsi in cabina di regia. Il primo parziale si chiude sul 25-20 per i padroni di casa. Nel secondo periodo la musica non cambia affatto. All’intervallo lungo l’Alfa conduce per 50-34. Jan Kolonicny si fa valere sotto canestro ed accende la gara con una spettacolare schiacciata. L’Eagles fa quello che può, ma l’Alfa è in giornata super. Il tecnico Bianca ruota tutti gli elementi a sua disposizione, eccezion fatta per Marco Consoli tenuto a riposo precauzionale. I cestisti catanesi danno tutti risposte importanti. Da Florio a Riferi passando per uno straordinario Gianmarco Signorello, che realizza ben 13 punti conditi da 3 triple di ottima fattura. In luce come sempre Kolonicny, Dauksys, Gottini, Agosta e Abramo. L’Alfa dilaga tra l’entusiasmo del pubblico e il giovane Gabriele Patanè realizza il centesimo punto della formazione alfista.

Alessandro Florio (foto G. Lazzara)

“Una vittoria importantissima – afferma Gianmarco Signorello -. Abbiamo giocato 40 minuti di altissima intensità e fatto quello che avevamo preparato in settimana rispettando in pieno i piani del nostro coach. Siamo contenti perché, oltre ad aver giocato bene, abbiamo anche dato fiato ai compagni che durante la stagione hanno giocato di più”.

Soddisfatto il direttore generale dell’Alfa, Carmelo Carbone: “Abbiamo messo una seria ipoteca per il primo posto nel girone. Condivido la mia gioia con il presidente Nico Torrisi, con il team manager Mario Litrico che non lesina energie per questa squadra e con il nostro tecnico Andrea Bianca, che ha creduto fin dal primo giorno in questo progetto scegliendo i giocatori giusti con me. Complimenti allo staff tecnico e a tutti i cestisti, che non si sono mai risparmiati durante gli allenamenti. Adesso serve l’ultimo sforzo a Palermo e poi ci concentreremo sulle finali nazionali, che saranno decisive per la promozione in B. Sono felice per la prestazione di Signorello e Patanè, quest’ultimo reduce da un problema fisico, che ha brillantemente superato”.

L’analisi di coach Andrea Bianca: “Andiamo sempre step by step. Questa serie è al meglio delle tre partite, quindi adesso pensiamo a gara 2 in programma a Palermo. Sicuramente l’Eagles giocherà, in casa, una partita degna del suo blasone. Noi andremo lì concentrati e determinati. Vogliamo chiudere la serie sul 2-0 come fatto nei quarti ed in semifinale. Ho avuto indicazioni positive dai ragazzi giovani. Questo è importante per mantenere alta la tensione in vista della terza fase, le finali nazionali che sono il nostro obiettivo da inizio stagione”.     

La photogallery di Giuseppe Lazzara @Facebook 

Addetto stampa

Polisportiva Alfa Catania

Umberto Pioletti

Be the first to comment

Leave a Reply

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.