Adrano, due prospettive positive sui campi

Sangiorgio Gualtieri in attesa dell’agibilità… Tensostruttura da riqualificare: in arrivo la gestione quinquennale… Spazi utili per le giovanili…

Il Sangiorgio Gualtieri, il nuovo impianto dell’Adrano

Dopo la straordinaria vittoria in gara-3 della finale play-off di Serie D e i festeggiamenti, l’Adrano Basket sta già lavorando alla prossima stagione in Serie C Silver. Il primo nodo da sciogliere è quello dell’impianto: senza una deroga per la Tensostruttura della Villa Comunale si rischierebbe di dover traslocare altrove. Invece si rimarrà ad Adrano: i progetti sono molto ambiziosi.

«Noi stiamo lavorando per aver l’agibilità del Sangiorgio Gualtieri – afferma il presidente Giorgio Sampieri a proposito del nuovo impianto di cui si parla da tempo -, che appartiene all’omonima fondazione. Abbiamo il parquet, ma si devono avere le autorizzazioni per le vie di fuga: dovrebbe essere data a breve l’agibilità». Sono pratiche lunghe e che richiedono anche un bell’esborso di denaro, ma necessarie per svolgere al meglio l’attività. Potrebbe essere questo dunque il campo di casa dell’Adrano 2018-’19, ma c’è una seconda opzione.

La tensostruttura di Adrano

«Vorremmo comunque rendere la Tensostruttura idonea per fare la Serie C – prosegue Sampieri -: abbiamo partecipato a un bando del Comune, dovremmo fare a breve la sottoscrizione del contratto di gestione dell’impianto. Investiremmo per cinque anni per renderlo agibile, mettendo il parquet e il passaggio tra spogliatoi e la struttura, mentre non ci sono problemi di dimensioni del terreno di gioco. Dopo le amministrative potremo avere un’idea più certa sui prossimi passi».

Avere a disposizione due campi può essere funzionale non solo per avere una prima squadra competitiva e che abbia a disposizione tutto lo spazio di cui ha bisogno per allenarsi, ma anche e soprattutto per il minibasket, per l’attività con le scuole e per l’attività giovanile in generale. Il settore è affidato ad Enrico Famà e, come ha dichiarato coach Gianfranco Morelli, c’è stato alle spalle un impegno immenso per poter presentare le tre squadre giovanili che quest’anno hanno partecipato ai campionati Fip: con due campi a disposizione, l’organizzazione sarà decisamente meno complessa.

Roberto Quartarone
Twitter: @rojoazul86

Be the first to comment

Leave a Reply

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.