Rainbow, netta affermazione in terra iblea

Ad Maiora travolta per 44-86… L’inerzia scivola in mano ospite dal terzo quarto… Bruni: «La nostra preparazione atletica sta dando i suoi frutti»…

AD MAIORA – RAINBOW 44–86

AD MAIORA RAGUSA: Firrito; S. Sammartino 13; Amorù 7; Fuad; G. Schembari; Gurrieri 9: Gulino; S. Sammartino 2; A. Schembari 13. Coach: Leggio
RAINBOW CATANIA: Diop 6; Nucera ne; Ferlito ne; Caruso 2; Aleo 12; Parisi ne; Iuliano 14; Chiarella 11; La Manna 15; De Lucia 8; Spina ne; Licciardello 18. Coach: Bruni
PARZIALI: 9-24; 42-26; 36-64
Arbitri: Calogero Cappello di Porto Empedocle (1° arbitro) e Giuseppe Caci di Gela (2° Arbitro)

La Rainbow Catania espugna il “PalaPadua” e coglie la seconda vittoria consecutiva in questo avvio di campionato, dominando la sfida con l’Ad Maiora Ragusa. Parte forte la formazione catanese, che, spinta dalla solita Aleo, scava già un break decisivo nel primo quarto, chiuso sul 9-24. Più combattuta la seconda frazione, con le iblee che , trascinate da Anna Schembari, danno battaglia alle ospiti, che aprono il periodo col “+3” di Arianna Iuliano a cui si sommano i colpi delle lunghe, Chiarella e La Manna. Si va alla pausa lunga sul 26-42. Dopo il cambio campo l’inerzia del match scivola nettamente in mano alla squadra bianco rossoblù, che mette a referto i due centri dall’arco dei tre di Giuliana Licciardello, imitata in chiusura di frazione da Ileana Aleo. Le ragusane mollano il colpo, con la sola Gurrieri ad impensierire la difesa etnea. La sfida si presenta agli ultimi dieci minuti su un più che rassicurante 36-64 per la Rainbow, che non accenna, però, a decelerare e registra i centri di Arianna Iuliano e di una scatenata Licciardello, che chiude la pratica con il terzo acuto personale da tre punti, firmando il 44-86 finale.

Nel post gara arriva l’analisi di coach Deborah Bruni: “E’ arrivato un altro risultato importante. Vorrei sottolineare come il nostro meglio lo abbiamo dato, al solito, nell’ultima parte di gara, in particolare nella quarta frazione. Segno che la nostra preparazione atletica sta dando i suoi frutti, ma anche che le ragazze sanno restare in partita fino all’ultimo istante. Cosa che mi conforta visto che oggi, date le condizioni non perfette di Nucera, Ferlito e Parisi, la panchina non era così lunga”.

Top scorer dell’incontro è Giuliana Licciardello, autrice di 18 punti, di cui tre triple.

 

 

San Pietro Clarenza 03/11/2018

 

 

Be the first to comment

Leave a Reply

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.