U-18: Gravina si consolida al secondo posto

I ragazzi di coach Minnella vincono dopo un overtime su Caltanissetta… Minnella: «Gli infortuni ci tolgono equilibri»… «L’obiettivo è la crescita di tutti»…

La formazione Under-18 dello Sport Club Gravina

Lo Sport Club Gravina, al termine di una partita combattuta e sofferta, batte all’overtime 67-62 l’Airam Caltanissetta e consolida il secondo posto in classifica, con 20 punti, frutti di 10 vittorie e 2 sconfitte, alle spalle dell’Alfa.

Gara in salita per i ragazzi di Carmelo Minnella (assistito da Davide Aretino e Carmelo Gullotti), sempre ad inseguire gli avversari (13-19 alla fine del primo quarto); Caltanissetta ha infatti toccato un vantaggio di tredici punti nel corso del secondo quarto (13-26). Veemente la reazione del Gravina che cambia difesa e mentalità e riduce lo strappo alla fine del primo tempo (28-31), con gli under 16 Matalone, Tringali Sgandurra e Fodale (che bene stanno facendo nel campionato d’eccellenza) molto ispirati e tutti loro i 15 punti della rimonta. Nel terzo quarto Caltanissetta ricomincia a macinare gioco e torna a +13, per poi chiudere 40-49 alla fine del terzo quarto. L’Airam sembra in controllo, ma negli ultimi 4 minuti il Gravina produce l’ultimo sforzo (che non sarà l’ultimo), con le bombe di Tringali e Marchesano, e i canestri di Matalone (17 alla fine) e Lo Iacono a perforare la difesa avversaria, pareggiando sul 54 pari a due minuti dalla fine. Passano pochi secondi e una tripla di Gagliano sembra spezzare le gambe definitivamente ai ragazzi gravinesi, ma il cuore Lewis porta dalla lunetta (3 su 4 nell’ultimo minuto) la partita all’overtime (58-58).

Nel supplementare, ancora Lewis, assistito ancora da Marchesano e Lo Iacono segnano i canestri della vittoria, grazie anche ad una difesa che chiude tutti gli spazi agli avversari, per il 67-62 finale.

Sapevo che sarebbe stata una partita difficile ma i tutti i ragazzi, anche chi ha giocato pochi minuti, hanno buttato il cuore oltre l’ostacolo andando oltre le difficoltà e gli indubbi meriti degli avversari che hanno giocato una grande partita. Io e il mio staff (che ringrazio, in generale e tutto, per lo sforzo notevole che quotidianamente produce in tutte le categorie giovanili e minibasket) le abbiamo provate tutte per cercare di vincere e alla fine siamo riusciti a trovar e le chiavi per fermare il loro attacco. Purtroppo gli infortuni di Saverio Privitera e Angelo Mastrandrea, due giocatori del quintetto, nell’ultimo mese ci hanno tolto punti ed equilibrio. Ma la squadra non si è mai disunita, alcuni hanno dovuto fare gli straordinari ed altri hanno ampliato il loro minutaggio giocando con grande sicurezza; tutti hanno sempre macinato una grande difesa e provando in attacco a giocare insieme con dei concetti semplici (anche perché non sono molte le occasioni che hanno per allenarsi tutti insieme e spesso si allenano in spazi e orari scomodi ma che testimoniano la grande disponibilità nei ragazzi che credono nel progetto e capiscono che hanno uno staff che li segue con passione e attenzione). Sono arrivate così le vittorie, anche in questa situazione di difficolta, anche con gli avversari al completo, in casa con il San Luigi e contro Caltanissetta che ci permettono di consolidare il secondo posto. Pure in casa del forte Cus Catania, la scorsa partita il mio staff mi ha riferito che i ragazzi sono stati bravi, recuperando anche lì uno svantaggio di 14 punti e la partita era in parità fino a pochi secondi dalla fine. Spiace non avere avuto la squadra mai al completo e non poter affrontare la prossima partita in casa della corazzata Alfa – una delle squadre giovanili più forti di sempre, con quasi tutto il roster che gioca con continuità in serie B e C – con l’equipe ancora decimata.

Dovremmo recuperare tutti tra una ventina di giorni e credo e spero ci sia una seconda fase del campionato, altrimenti organizzeremo dei tornei o andremo fuori a giocare per non fare stare fermi i ragazzi. Anche se l’obiettivo primario è la crescita tecnica individuale dei giocatori, la partita rimane sempre la verifica del lavoro svolto e dei miglioramenti, oltre che il punto di partenza per realizzare gli step tecnici successivi”.

Tabellino Gravina: Tringali 7, Lo Iacono 11, Lastrina 1, Marchesano 12, Lewis 9, Salamone, Matalone 17, Sgandurra 2, La Ferlita, Torrisi 2, Fodale 6.

Comunicato Sport Club Gravina

Be the first to comment

Leave a Reply

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*