D’Urso: «La squadra dei piccoli s’è fatta grande»

I ringraziamenti del coach “scorpione” protagonista di una stagione al di là delle aspettative… «Ognuno dei giocatori è stato importante»…

Riccardo Arcidiacono e Simone D’Urso (foto R. Quartarone)

Nella disamina finale del gran campionato del Basket Giarre, che coach Simone D’Urso ha affidato ai social network, si parte dall’articolo di presentazione di questa stagione: il “piccolo” Giarre che avrebbe dovuto impegnarsi per “farsi grande”, conquistando quella salvezza che era l’obiettivo stagionale. Non contenta d’averla raggiunta con anticipo, la squadra gialloblù si è anche regalata il play-off contro Ragusa, da migliore etnea di Serie C Silver, e uscendo dopo due gare in grande equilibrio.

«Il coraggio di fare un salto nel buio che diventa l’onore di allenare un perfetto mix di giovani e meno giovani con una spasmodica passione in comune – scrive il coach –. La squadra di “piccoli” si è fatta grande nonostante tutte le avversità, nonostante un inizio di stagione turbolento falcidiato da una infinità di sfortune, nonostante i finali di gara beffardi e le serate storte».

Appunto in questo contesto di difficoltà è venuta fuori la bravura dell’ex playmaker, che per la seconda volta ha smesso i panni di giocatori per prendersi carico della prima squadra. Lo “scorpione“, che con le sue mosse riesce a ribaltare partite fin troppo ardue (come ad Adrano), va avanti con i ringraziamenti.

Luciano Abramo marca Gabriele Vitale (foto G. Lazzara)

«Il primo ringraziamento va ai veri protagonisti del gioco: i giocatori! Ringrazio di cuore e con un pizzico di emozione ciascuno dei 18 ragazzi che hanno vestito la maglia gialloblù con onore e fierezza, non facendomi neanche per un momento pentire di aver accettato di guidare una squadra totalmente sperimentale e rinnovata. Ciascuno è stato unico e sa in cuor suo quanto sia stato importante per la costruzione di questa stagione, partita dopo partita, dal lunedì alla domenica. Ogni minuto della mia vita speso in funzione vostra è stato pienamente ripagato e ve ne sarò sempre grato».

«Il secondo ringraziamento va allo staff – prosegue D’Urso –; ad Alfio Spadaro con cui ho collaborato in maniera deliziosa e serena per tutta la stagione, e che con il passare delle settimane mi ha sempre più convinto di aver chiesto ad Agosto l’aiuto della persona migliore che si possa avere a fianco. A Gianfranco Ciaurella , che da protagonista di quella “sfortunata” prima giornata di campionato, sì è reso disponibile a stare al fianco della squadra in ogni occasione possibile, non facendomi mai mancare il suo contributo sia umano che tecnico. A Antonio Spada, che in maniera totalmente disinteressata, ha offerto una parte del suo prezioso tempo alla squadra. Alla dirigenza tutta, che a volte lavorando silenziosamente dietro le quinte, ha fatto in modo che tutto ciò si potesse realizzare. L’ultimo ringraziamento va a tutti quegli uomini di Sport, che dagli spalti, tramite i social e le reti televisive ( Alfio Giuseppe Grasso Alberto Facchi), con una semplice parola per strada, hanno reso grande questa stagione e unica questa famiglia. Vedere il Palajungo trasformarsi in una bolgia infernale non ha prezzo. Per tutto il resto ci sarà sempre il Basket Giarre».

Roberto Quartarone
Twitter: @rojoazul86

Be the first to comment

Leave a Reply

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*