Il bilancio dell’ottima stagione del Gravina

La forte dedica a Lazzara… Il presidente De Fino: «Grazie per questo lungo viaggio»… Il coach Marchesano: «Dolore e soddisfazioni»…

Roberto Saccà (foto Antonio Parrinello)

L’eliminazione nei quarti dei play-off di Serie C contro la campionessa della stagione regolare, la Cestistica Torrenovese, fa calare il sipario su un’ottima stagione dello Sport Club Gravina, che da un paio d’anni ha dato il via a un rinnovamento del roster che però ha portato a due qualificazioni consecutive ai play-off contro i pronostici. La chiusura della stagione ha permesso al presidente Natale De Fino e al coach Giuseppe Marchesano di tracciare un bilancio della 30ª stagione della società etnea. Il riferimento di entrambi a Giuseppe Lazzara, pensiero costante e persona a cui è dedicata questa stagione, è forte.

«Cari amici miei – scrive De Fino –, grazie di cuore, per questo lungo viaggio, non sarò così bravo ad esprimere la mia gioia e la mia contentezza nell’essere arrivato a questo punto della nostra storia e della mia vita, di traguardi ce ne saranno ancora tanti da inseguire, ne sono certo, e forse non sarò io a portarli a termine. Spero di avervi insegnato che lo sport è stare assieme, giorno per giorno, allenamento per allenamento, per questo motivo che si ottengono i risultati sperati…»

Ciro Ferrara (foto Antonio Parrinello)

«Ma attenzione – prosegue il presidente – i risultati a cui mi riferisco non sono solo le innumerevoli vittorie ottenute sul campo ma tutte le vittorie che avrete nella vita, d’altronde lo sport ci insegna ad essere degli uomini giusti. Quello che posso aggiungere che in questi 30 anni, strada facendo, ho perso degli amici cari e degli affetti personali, ma in compenso ho trovato un mondo di amici e una grande famiglia. Vi voglio bene… mi avete dato tanto ed io ancora mi sento in debito con voi».

Il coach aggiunge qualche dettaglio in più, componendo la dedica al fotografo del basket catanese, che è scomparso a fine gennaio. «Anno difficile pieno di dolore e paradossalmente di grandi soddisfazioni per il lavoro che amo di più, stagione da ricordare, amore infinito per la famiglia che sei riuscito ad allargare e ad unire…ogni singolo giocatore e dirigente del Gravina ti ringrazia io ti ringrazio per esserci stato e per continuare a esserci, non sarei riuscito a trovare l’energia se non avessi avuto vicino tuo figlio Fabio, la sua forza ed energia i suoi consigli sussurrati la sua partecipazione emotiva è stata fondamentale… dedichiamo a te ogni singola vittoria ogni gesto e sappiamo che da lassù li hai immortalati tutti per questo resteranno e resterai sempre nei nostri cuori.. ci manchi ma sappiamo che ci sei!»

Roberto Quartarone
Twitter: @rojoazul86

Be the first to comment

Leave a Reply

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*