Rainbow, le Engeln parlano in vista della stracittadina

Domani in campo con il Cus, domenica a Patti… Campionato groviera… Ashley: «Questa squadra può fare molto»… Lauren: «Sono dove vorrei essere»…

Un allenamento in inglese? A Catania si può: ormai Andrea Bianca ha abituato le ragazze della Rainbow a ricevere istruzioni in modo tale anche le sue cestiste americane capiscano senza problemi. Le italiane si adeguano, al massimo chiedono spiegazioni alle compagne, ma stanno imparando non solo la tecnica, anche la lingua del Paese che ha inventato lo sport della palla a spicchi, in barba al nazionalismo imperante.

Domani la squadra torna in campo in questo campionato groviera: la Serie B femminile è già alla quinta giornata, le bianco-rossazzurre sono scese in campo solo due volte e domani, alle 17:30 a San Pietro Clarenza, l’avversaria sarà la formazione cugina del Cus Catania. Esistono dei precedenti tra la squadra arcobaleno e le cussine: doppia vittoria Rainbow nella C 1996-’97, con il risultato di 78-43 nel ritorno.

Ashley e Lauren Engeln

Venerdì Ashley e Lauren Engeln si sono presentate: «Sono arrivata alla fine dell’anno scorso – attacca Ashley, play-guardia –, ho giocato solo un mese e mezzo. Mi sono anche rotta il naso contro Livorno, quindi è andata molto male. Quest’anno è molto più divertente. Iniziare dall’inizio, avere mia sorella qui, conoscere già tutte le ragazze: è una bella squadra! In più con Lauren non giocavo dall’high school, tanti anni fa. È diverso, ora siamo più grandi e mature. Voglio personalmente imparare l’italiano e stare in Italia mi aiuta, mi fa sentire a casa. È bello, amazing! Credo che questa squadra possa fare grandi cose, possiamo arrivare alle finali, il coach dà ottime energie positive».

La gemella Lauren, ala, ha una bella esperienza alle spalle nella massima serie tedesca. «Sta andando molto bene – ci spiega la cestista californiana –, abbiamo giocato appena due partite, stiamo cercando di amalgamarci. Il gruppo ha talento, speriamo di vincere il campionato! Questa è la mia aspettativa da quest’anno al 100%. In Germania è stata una gran bella esperienza, quattro anni tra Monaco e Berlino, mi è piaciuta la Germania. È stato bello viaggiare e scoprire i Paesi europei. Già vivere qui è diverso dalla Germania, tutto è più rilassato. Giocavo nella massima serie quindi il livello era migliore, ma spero che sarà una stagione divertente. Non giocavo con Ashley da una vita, quindi qui è proprio dove vorrei essere».

Le poche statistiche finora a disposizione danno ragione alle due cestiste uscite dalla high school di Laguna Hills, contro la sorprendente matricola Cus Catania sarà una prova importante in vista di domenica, quando le etnee giocheranno a Patti la prima sfida dell’anno per la vetta del girone siciliano di B.

 

Roberto Quartarone

Be the first to comment

Leave a Reply

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*