Omologazione degli impianti, la Fip si muove

L’assessore: «Manca l’omologazione della FIP»… Il delegato Spadaro chiede i documenti di PalaZurria e PalaGalermo per avviare l’iter…

Hanno fatto scalpore due articoli di Gabriele Patti su FocuSicilia sull’impiantistica e su MeridioNews sul PalaCatania. Il giornalista (e cestista della PGS Sales) passa in ricognizione PalaArcidiacono, PalaGalermo, PalaZurria e PalaCatania. L’impianto universitario è chiuso da tempo, in restyling (per usare le parole del comunicato del Cus in occasione dell’insediamento del presidente Mazzone), e l’articolo parla di una sostanziosa variante che è stata approvata per dei difetti strutturali riscontrati. Ancora la riapertura dunque non è vicina.

Antonio Spadaro (foto GAP Catania)

Per PalaGalermo e PalaZurria, protagonisti di una recente inchiesta su “La Sicilia, la situazione rimane comunque quella di potersi allenare ma non poter giocare. «Le associazioni devono completare tutto l’iter dei documenti. Possiamo dire che manca l’omologazione da parte della federazione per le gare ufficiali», ha dichiarato l’assessore allo Sport Sergio Parisi a FocuSicilia. Letta questa dichiarazione, il delegato della FIP Catania si è attivato per avviare quest’iter: è stata infatti mandata la Pec per avere i documenti necessari e a questo punto la possibilità di poter tornare a giocarvi diventa più vicina. Il delegato ha richiesto i verbali della Commissione di Vigilanza sugli impianti sportivi, fondamentale per dare il via libera all’omologazione, che varie società aspettano. Almeno sul PalaZurria, considerando il suo stato attuale, difficilmente si riuscirà ad andare avanti a breve.

L’interesse da parte delle società etnee sugli altri due impianti aumenta dato che il PalaCatania continua a dare grossi problemi. Sono spariti infatti i cavi per alzare i canestri (ora acquistati dalle società che fruiscono del campo), sono state rinviate delle partite ma rimane il fatto che l’impianto di corso Indipendenza è sempre più croce e meno delizia dell’attività cestistica di base in città.

Roberto Quartarone

Be the first to comment

Leave a Reply

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*