Gravina, la vittoria sfuma a 40″ dalla fine

Lungo equilibrio… Occhipinti: «Nei momenti di difficoltà ci siamo»… Marchesano: «Ci siamo persi in banalità»…

Gravina-Comiso 77-80

Sport Club Gravina: Barbera 12, Santonocito 11, Alì 14, Arena 1, Renna 6, Spina 17, Florio 15, Ceorcea 2, Privitera 1. All.: Marchesano.
Olympia Comiso: Pace 5, Floridia ne, Turner 8, Occhipinti 30, Boiardi 20, Savarese ne, Romeo ne, Palazzolo 2, Giaccone, Hayes 6, Knezevic 9. All.: Ceccato.
Arbitri: Licari e Tartamella.
Parziali: 24-18, 39-39, 59-56.

Gravina perde la nona delle ultime dieci partite, ma almeno lotta e si gioca i due punti fino in fondo, vedendoseli sfuggire solo a un passo dal traguardo; Comiso invece è alla quinta di fila positiva e continua a lottare per la parte alta della griglia play-off, trascinata dai mostruosi Giovanni Occhipinti e Davide Boiardi. Nel giorno della morte di Kobe Bryant, le due squadre lo onorano giocando una partita accesa e corretta.

I padroni di casa sono avanti per lunghi tratti della partita, ma non riescono mai a dare lo strappo per lasciarsi alle spalle i comisani. Dal canto loro, gli ospiti sfruttano ogni ingenuità difensiva con le penetrazioni dei suoi uomini migliori. Nell’ultimo quarto l’attacco gravinese non riesce a bucare la larga difesa a zona, e anzi perde rimbalzi e prende contropiede d’infilata. L’uscita per cinque falli di Santonocito rende tutto più semplice per gli ospiti, che a 40” dalla fine trovano il jolly vincente sempre grazie ad Occhipinti.

«È stata una partita molto dura sotto tutti gli aspetti – afferma l’mvp Occhipinti –, mancavano Savarese e Farruggio, tutti i ragazzi hanno dato il massimo per la vittoria. Il campo è piccolo e scivoloso, abbiamo perso molti palloni. La cosa importante è aver portato a casa la vittoria e aver dimostrato che nei momenti di difficoltà diamo il meglio di noi!»

«Sapevamo di essere una buona squadra – prosegue il play –, ma stiamo lavorando duro e questi sono i frutti sin dalla preparazione. È un campionato tosto, non ci vuole nulla a crollare in classifica, quindi dobbiamo lottare partita dopo partita! Mi aspetto di giocarci i play-off e intimorire le avversarie. Possiamo mettere le basi per il futuro».

R.Q.

da La Sicilia del 27/1/2020

 

Lo Sport Club ha perso una grandissima occasione per acciuffare una vittoria di prestigio che avrebbe avuto doppio valore in un momento di innegabile difficoltà.

Gli uomini di Marchesano hanno giocato certamente una gara di grande sacrificio, hanno fatto gruppo per sopperire alle imperfette condizioni fisiche di qualcuno ed alla situazione falli ma, indubbiamente, per essere vincenti occorre anche che ciascuno faccia quello che viene richiesto ai singoli.

Un vero peccato, considerato che tra mille difficoltà l’ultimo quarto sembrava incanalato in una direzione vincente.

Poi un’improvvisa difficoltà ad attaccare la zona di Comiso, qualche errore di troppo dalla lunga distanza, le rapide ripartenze dei comisani fino all’ultima micidiale incursione dell’incontenibile Occhipinti per il sorpasso finale.

“Persa una bella occasione per tiraci fuori da una situazione complicata -ha commentato a fine partita un contrariato coach Marchesano-.  Abbiamo giocato una buona partita di fiducia ognuno nell’altro che ci ha permesso di sopperire alle difficoltà e questo ci ha consentito di stare sempre a contatto con gli avversari. È accaduto, però, che nei momenti decisivi qualcuno ha dimenticato ciò che sa fare e che viene richiesto e ci siamo persi in banalità. Facciamo tesoro anche di questo insegnamento che deve aiutarci a crescere ancora. Adesso settimana dura per preparare la partita difficilissima di Ragusa, da affrontare per migliorarci sempre”.

Comunicato stampa Sport Club Gravina

Be the first to comment

Leave a Reply

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*