Basket, B Dil.: Maddaloni-Virauto 82-71

Una volenterosa Virauto Ford Catania sconfitta in casa della
vicecapolista Maddaloni.

Maddaloni – Virauto Ford Catania. 82-71
Maddaloni: Albertinazzi 11, Saccoccio 17, Bazzucchi 10,
Mainoldi 20, Serino 14, Cei 6, Di Lauro 2, Torta, Garofalo 2.
All. Scotto.
Virauto Ford Catania: Catotti, Di Masi ne, Basile ne, Degregori 18,
Consoli 12, Valerio 13, Naso 8, De Luca 3, Rolando 11,
Trevisan 6. All. Borz
Arbitri: Portalupi e Pietraroli
Parziali: 17-16, 46-46, 66-58

Terza sconfitta consecutiva per la Virauto Ford Catania di
coach Pippo Borz. Gli etnei giocano col cuore, ma non
riescono a battere la vicecapolista Maddaloni, squadra forte,
quadrata e, soprattutto in casa, difficile da matare. Gli etnei
non hanno per nulla sfigurato, giocando una buona partita. S
vista la solita Virauto Ford Catania, formazione abituata a
lottare, dove, Trevisan e Rolando non sono per stati al top a
causa delle marcature strettissime applicate dai casertani.
E stata una gara combattuta, che fa ben sperare per il futuro.
Catanesi sempre in partita ma che, alla lunga, hanno dovuto
cedere ai campani i quali hanno confermato di poter lottare
fino alla fine del campionato per il salto di categoria. Primi
due tempini equilibrati: si va allintervallo lungo in perfetta
parit, 43-43. Nel terzo quarto i locali vanno avanti di 8 punti,
ma Degregori, Valerio (buon rientro il suo dopo un lungo stop)
e il play Consoli sotto le plance si fanno rispettare e riducono lo
svantaggio. Nellultimo tempino, sul punteggio di 75-71, i
catanesi hanno loccasione buona per riequlibrare le sorti del
confronto ma, Naso e Trevisan non sono precisi come in altre
occasioni, il quintetto di Scotto preme sullacceleratore e chiude il confronto vincendo 81-71. In casa Virauto Ford Catania non ci si scoraggia. Lobiettivo della salvezza ampiamente alla portata di Matias Degregori e compagni che, domenica prossima ospiteranno il Corato, in un match che i rossazzurri vogliono vincere a tutti i costi.

Laddetto stampa
Andrea Rapisarda

Be the first to comment

Leave a Reply

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*