Pappalardo lascia la Lazùr e approda ad Anagni

Intervista all’ala catanese… I no a Umbertide e College Italia… «Obiettivo crescere e far esperienza in A3»… «Pronta per lavorare sul serio»…

Carolina Pappalardo e Deborah Bruni in campo con la Lazùr (foto Giuseppe Lazzara)
Carolina Pappalardo e Deborah Bruni in campo con la Lazùr (foto Giuseppe Lazzara)

Carolina Pappalardo lascia la Lazur Catania per disputare la prossima stagione adAnagni alla Fortitudo MMX. Tante le proposte che in questi anni hanno visto coinvolta l’atleta catanese, ma nessuna sinora era riuscita a convincere la giocatrice a lasciare la Lazur e la Sicilia. Pappalardo si era precedentemente concessa il “lusso” di rifiutare l’ offerta di Umbertide e la convocazione al College Italia. “Non ero evidentemente pronta, quest’anno voglio cominciare a lavorare sul serio” ha spiegato la giovanissima lunga classe 1996.

Dopo il no al College Italia, progetto tra l’altro scomparso, hai accettato invece la proposta di Anagni. Cosa ti ha convinta?

“Quando è arrivata la convocazione al College Italia avevo già detto no ad Umbertide, evidentemente non mi sentivo pronta o decisa a cambiare società. Quest’anno invece oltre alla voglia di cominciare a lavorare sul serio si è presentata la proposta di Anagni che negli ultimi anni ha lavorato e continua a lavorare molto bene per far crescere le giovani, un progetto al quale speravo di poter partecipare, così non mi sono fatta scappare questa occasione”.

Ad Anagni ti aspetta un gruppo di under pronta a scommettersi in A3. Quali sono gli obiettivi stagionali? 

“Per un gruppo di under che partecipa a un campionato di A3 sicuramente l’obiettivo principale è crescere come giocatrici e fare esperienza, poi se dovessimo arrivare alla qualificazione per i play off, ben venga”.

Quali sono i tuoi stimoli in vista della tua prima avventura fuori città? 

“Andare ad Anagni significa nuove esperienze, nuove amicizie, nuovi stimoli e una nuova società. Sono piena di entusiasmo all’idea di potermi confrontare con squadre di buon livello sia per quanto riguarda il campionato di A3 che quello di under19, quest’ultimo soprattutto credo sarà molto stimolante per la possibilità di competere con molte più squadre. Cambiare società, squadra e allenatore sicuramente porterà benefici alla mia crescita personale sia in campo che fuori. Avrò davvero la possibilità di vivere un’esperienza formativa e  tecnica e per questo ringrazio il presidente della Lazur, il dott. Cicero, che mi ha dato questa occasione”.

Come t’immagini a Maggio 2014, alla fine del campionato?

“Maggio 2014 sarà la fine di un anno speciale, diverso, mi auguro di migliorare il più possibile e con lo staff e la squadra che mi aspettano lí sono certa di avere buone possibilità di farlo. Spero di arrivare alla fine della stagione con un’esperienza sulle spalle che coronerà tutto il buon lavoro che ho fatto alla Lazur questi anni”.

Chiara Borzì
Twitter: @ChiaraBorzi

Be the first to comment

Leave a Reply

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*