La Rainbow sbatte sul muro di Patti: primo stop

Non basta il tentativo di rimonta nel quarto quarto… Bruni: «L’Alma è stata più brava, gara intensa e tifo caloroso»…

RAINBOW-ALMA 74-83

RAINBOW CATANIA: Diop 1; Nucera 1; Ferlito 2; Caruso; Aleo 19; Costi; Iuliano 3; Chiarella 29; La Manna 12; De Lucia ne; Spina ne; Licciardello 7. Coach:Bruni
ALMA BASKET PATTI: Tumeo; Lombardo 28: Coppolino 1; Cangemi; Merrina 11; Ferreyra 12; Sciammetta; Romeo; Kramer 12; Guerrera 17; Cucinotta; Davanzo 2. Coach:Buzzanca
PARZIALI: 13-19; 25-42; 39-62

Arbitri: Alex Oliver Di Mauro di Priolo Gargallo (1° arbitro) e Jessica Scalone di Floridia (2° arbitro).

 

Non è bastato un finale tutto cuore alla Rainbow Catania per evitare la prima sconfitta stagionale nella gara casalinga contro l’Alma Basket Patti. Le peloritane sono prevalse sulle bianco rossoblù per 74-83 al termine di una partita giocata con grande intensità.

Partono bene le padrone di casa che, pronti via, ricavano un 7-0 condito dalla prima tripla di Ileana Aleo, andata in campo stringendo i denti. La risposta di Patti arriva a stretto giro di posta, con Kramer e Ferreyra che firmano l’aggancio alle etnee ed il primo vantaggio ospite. A completare l’opera arrivano i centri di Merrina e Lombardo che, insieme con la seconda tripla di Aleo, archiviano il primo parziale sul 13-19 per l’Alma. Le catanesi subiscono la grande esuberanza agonistica avversaria anche nel secondo tempo, con una Martina Lombardo letale, autrice, nel parziale, di 12 punti e due triple. Si va al riposo con un 25-42 a sfavore che premia la maggior aggressività ospite. Al rientro dalla pausa lunga la riscossa Rainbow tarda ad arrivare. Patti può quindi incrementare il vantaggio, con un break di 0-8, prima della terza bomba della Aleo sul 28-50. La fase realizzativa delle catanesi, in questo frangente della sfida, poggia per intero sulle spalle di Francesca Chiarella, che sigla 10 dei 28 punti complessivi di personale. Troppo poco per colmare il gap con le avversarie, che chiudono la frazione sul 39-62. La reazione catanese arriva nell’ultima frazione con la Rainbow che prova la rimonta d’orgoglio, con le triple di Aleo e Licciardello che riaccendono la sfida sul 57-66. Nel finale la gara perde diverse delle sue protagoniste per limite falli: Chiarella, Nucera, La Manna e Licciardello nelle fila etnee, Ferreyra, Kramer, Guerrera per Patti, che subisce anche l’espulsione di coach Buzzanca. Le due squadre raggiungono il limite falli ed a fare la differenza diventa anche la lucidità dalla lunetta, che premia maggiormente le pattesi, che resistono all’assalto finale delle ragazze di coach Bruni, portando a casa la vittoria. A fine gara coach Bruni analizza così la sfida: “Abbiamo regalato la prima parte del confronto ed il finale generoso non è bastato. E’ stata una gara intensa, con un tifo caloroso. Cerco di vedere il bicchiere sempre mezzo pieno. Avrei mille giustificazioni per spiegare la nostra gara, perché non è stata certo una buona settimana per noi, quella appena trascorsa. Però si deve dare valore all’avversario: l’Alma Patti è stata semplicemente più brava. Noi, ora, ripartiremo più arrabbiate di prima”.

San Pietro Clarenza 09/12/2018

 

Comunicato stampa Rainbow Catania

Be the first to comment

Leave a Reply

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*