La capolista Castanea suda a Paternò

I gialloviola prendono il largo solo nell’ultimo quarto… Gottini e Costanzo assenti… Grasso e Fiorito rispondono a Lane e Mirenda…

Paternò-Castanea 51-67

Basket Club Paternò: Caponnetto 6, Costanzo ne, Lo Faro, Fiorito 11, Cosentino 2, Milazzo, Mantegna 7, Amoroso 6, Gemmellaro 6, Grasso 13. All.: De Luca.
Castanea Messina: Samuels 13, Postorino, Campanella ne, Trimarchi 7, Ponzù Donato, Lane 17, Giglia 8, Cesano ne, Diallo 5, Hendry 2, Mirenda 15. All.: Frisenda.
Arbitri: Arbace e Mameli.
Parziali: 9-15, 25-25, 41-46.

Una tripla di Maurizio Grasso (foto Roberto Quartarone)

Mancano due titolari come Gottini e Costanzo? La panchina è corta corta? A Paternò non interessano queste elucubrazioni: gioca con più grinta e aggressività del solito e per tre quarti imbriglia la capolista Castanea. A ogni tripla del bomber Lane, risponde il gladiatore Grasso; a ogni terzo tempo del solido Mirenda ecco un contropiede del velocista Fiorito. Alla fine, carichi di falli e dopo aver dato tutto, i rossazzurri s’arrendono e la capolista prende un vantaggio rassicurante.

 

Roberto Quartarone

 da “La Sicilia” del 16/12/2019

Ottavo sigillo in campionato per la capolista a punteggio pieno del girone A del torneo di serie D Castanea Basket 2010 che supera l’insidiosa trasferta di Paternò col punteggio di 51-67. Gara non semplice per i gialloviola per via dei meriti da porgere al Paternò che non schierava il proprio fromboliere Gottini, squalificato, e Costanzo. Per tre quarti la squadra di coach De Luca, che si esalta in casa, ha dato del filo da torcere ai peloritani che hanno vinto con un break risolutore di 21-10 nell’ultimo quarto. Da segnalare le ottime prestazioni di Mirenda, Lane e Trimarchi (43 punti in tre) mentre per scelta tecnica dello staff tecnico di coach Frisenda il pivot Murray non è stato schierato negli ultimi tre quarti.
Gara caratterizzata dal punteggio basso e dalle difese forti con Paternò spesso schieratasi a zona, scelte che hanno limitato gli attacchi. Paternò con Caponnetto, capitan Fiorito, Cosentino, Gemellaro e l’esperto Grasso mentre il Castanea scende in campo con il trio Lane-Samuels-Hendry oltre a Trimarchi e Giglia che limitavano a soli nove punti segnati la produzione offensiva di Paternò nel primo quarto. Tanti contatti e gara contratta in avvio che ha rallentato le qualità tecniche del Castanea, vittorioso nel primo tempino per 9-15. Ottima col passare dei minuti la spinta della panchina col solo Diallo meno incisivo del solito ma con un prezioso Mirenda alla migliore recita stagionale con 15 punti. Nel secondo tempo la squadra ha uscito gli artigli ed ha espresso un basket più solido e concreto che ha annebbiato le idee al Paternò che fino al 30′ è rimasto praticamente in scia all’avversario (41-46). Nel finale il momento migliore dell’incontro con un Castanea volitivo che ha chiuso tutti i varchi della proria difesa ed ha colpito in attacco nei momenti determinanti della contesa con i propri solisti. Successo molto importante per la classifica, restano quattro i punti di vantaggio su Piazza Armerina in vista dell’ultimo impegno del 2019 in agenda sabato a Ritiro contro il San Luigi Acireale. Occasione per rinforzare la propria leadership stagionale.

Daniele Straface – Ufficio Stampa Castanea Basket

Be the first to comment

Leave a Reply

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*