San Luigi: seconda vittoria di fila
L’analisi con le parole di Vittorio Mazzerbo

Il come back nella corta classifica di Serie D… Le difficoltà nell’inserimento dei nuovi… «Ho visto una reazione di gruppo»… Sabato c’è la Savio…

Se vi siete persi qualcosa delle ultime due giornate di Serie D, sicuramente non vi sarete accorti del come back (per usare un’espressione all’americana) del San Luigi nella cortissima classifica del girone A. Quest’ultimo, vede nella sua graduatoria ben 7 squadre racchiuse in 6 punti di scarto. L’Istituto San Luigi fa parte di questo gruppone di formazioni e punta a risalire la china ancora più rapidamente, confermando quanto fatto vedere nelle recenti vittorie. In realtà, prima del doppio colpo, i ragazzi di coach Vigo non erano riusciti ad esprimere al meglio la loro pallacanestro, raccogliendo soltanto un deludente 3-6 di record. D’altronde, integrare in un gruppo pre-esistente due giocatori così importanti (in tutti i sensi, anche in termini di ambizioni sul parquet), come Gabriele Vitale e Vittorio Mazzerbo, non è un processo che impiega poco tempo. Di questo aspetto, ce ne ha parlato proprio Mazzerbo:

“La stagione non è iniziata nel miglior modo possibile, o almeno non come ci aspettavamo. Credo che inserire in un colpo solo sia me che Vitale non è facile. C’erano molti equilibri da sistemare e non è un operazione che si può risolvere in un mese.”

Vittorio Mazzerbo

Concordo al 100%. Vitale era un giocatore abituato a muoversi in situazioni completamente diverse, e a ritmi totalmente diversi, nel campionato di Serie C Silver, con la canotta di Giarre. Allo stesso tempo, Mazzerbo era reduce dalle ultime annate ad Aci Bonaccorsi, che pur essendo nella medesima categoria, gli richiedeva un numero di possessi tra le mani davvero elevatissimo, forse pure eccessivo, non perché Vittorio non fosse uno con le qualità per farlo (difatti ha svolto il suo compito ottimamente), piuttosto perché era una situazione abbastanza insostenibile per qualsiasi giocatore. Per queste ragioni, amalgamare queste due personalità, e stili di gioco, è stato quanto mai complesso. Tuttavia, sembrerebbe che adesso i sanluigini abbiano trovato la quadra (77 punti sommati nelle ultime due, per la coppia di cui abbiamo appena scritto) e parte del merito è attribuibile al coach degli etnei. Riguardo questa coesione finalmente trovata, il nostro intervistato è lucido:

“Siamo in una situazione di classifica adesso più serena. Prima era più complicata solamente per colpa nostra, ne stiamo uscendo da squadra. Faccio i miei complimenti sia agli under, disponibilissimi e molto forti tecnicamente, che ai senior, che già conoscevo, ci hanno aiutato molto ad inserirci. Per Vitale è stato più facile, essendo lui l’uomo squadra per eccellenza. Coach Vigo tiene in mano la squadra benissimo ed è veramente un ottimo allenatore. Ho visto una reazione di gruppo in questi mesi e una grande concentrazione.”

Infine, Mazzerbo ha parlato della prossima sfida dei suoi al Domenico Savio di Messina, facendo diversi apprezzamenti nei confronti dei fratelli Caroè. In realtà, sulla carta la trasferta al PalaRussello potrebbe rappresentare una ghiotta occasione per allungare la striscia positiva e continuare ad alimentare l’ambizione playoff. Per concludere, Vittorio ha sottolineato un livello medio del campionato notevole, ciò sarebbe frutto di una “varietà” tra gli avversari.

Gaetano Gorgone

Be the first to comment

Leave a Reply

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*