Gravina-Cus in campo, pensando a Enrico e Peppe

Roberto Saccà, mattatore della sfida d’andata (foto Romano Lazzara)

L’11ª giornata della Serie C Silver è iniziata ieri e si conclude stasera: un turno infrasettimanale il cui big match è quello tra Gravina e Cus Catania. È una sfida per l’accesso ai play-off, sicuramente, ma è anche segnata dal profondo dolore per i lutti che hanno colpito l’ambiente cestistico etneo. Enrico Murabito era un tesserato del Gravina, Peppe Foti è stato coach della società e papà di Alice Foti, designata come primo arbitro al fianco di Giovanni De Giorgio. In più Peppe oggi avrebbe compiuto 55 anni.

«Mi viene in mente che altre volte abbiamo affrontato partite di campionato con lo stesso stato d’animo – ha affermato coach Giuseppe Marchesano –. Siamo tristi ma uniti come sempre, pronti a giocare per onorare la figura e la grande passione del nostro Enrico».

Al Palazzetto di via Don Bosco la palla a due è alle 20:00. Al tavolo Spampinato, Cannata e Antonino. La gara andrà in diretta sulle pagine Facebook di Basket Catanese e Sport Club Gravina, con telecronaca di Alessandro Randazzo, commento tecnico di Roberto Quartarone e coordinamento di Gaetano Gorgone. Sarà osservato un minuto di silenzio per ricordare Enrico Murabito.

Questi i precedenti tra le due squadre:

Stagione Serie Andata Ritorno
1988-1989 PR due vittorie Gravina
2008-2009 C2 Gravina-Cus 72-57 Cus-Gravina 75-64
2009-2010 C2 Gravina-Cus 63-71 Cus-Gravina 64-79
2010-2011 C2 Cus-Gravina 57-73 Gravina-Cus 81-54
2012-2013 C2 Gravina-Cus 76-57 Cus-Gravina 55-47
2013-2014 C2 Gravina-Cus 76-46 Cus-Gravina 65-46
2014-2015 C2 Cus-Gravina 67-59 Gravina-Cus 79-72
2015-2016 C/S Cus-Gravina 67-51 Gravina-Cus 77-58
2016-2017 C/S Cus-Gravina 64-75 Gravina-Cus 67-61*
2017-2018 C/S Gravina-Cus 81-72 Cus-Gravina 64-69
2018-2019 C/S Gravina-Cus 50-58 Cus-Gravina 58-68
2019-2020 C/S Cus-Gravina 70-68* Gravina-Cus 61-46
2020-2021 C/S Cus-Gravina 60-54

In totale: 25 partite, 16 vittorie del Gravina, 9 del Cus Catania. (*) = partite chiuse all’overtime.

Roberto Quartarone

Be the first to comment

Leave a Reply

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*