C100: Etnea e PGS Sales a briglia sciolta

Si è chiusa oggi la terza giornata del Campionato del Centenario 100. Continuano la loro corsa solitaria in vetta la Cestistica Etnea Basket nel Girone B e la PGS Sales nel Girone C: questa era una giornata clou perché entrambe sfidano le due avversarie più accreditate ed entrambe hanno superato l’esame a pieni voti.

La Cestistica Etnea dopo la vittoria a Misterbianco

Girone B. I gialli di Luciano Cosentino hanno espugnato il rinnovato PalaTenda, battendo per 53-73 il Basket Misterbianco. È stata la miglior partita stagionale: prestazione di squadra, con Corselli protagonista sui due lati del campo, ma con tutti gli effettivi in grande spolvero. Per due quarti, le forze si sono sostanzialmente equivalse, con Morè e Licciardello che tengono testa alle iniziative degli ex Santuccio, Rapisarda e Amoroso; torna in campo anche Bertolo, dopo l’infortunio al naso, che garantisce solidità e grinta, mentre un attento Pardo mette ordine. La svolta arriva nel terzo quarto: buon impatto anche di un Gallo che giganteggia al rimbalzo, Arena, Lattuca e Dimino; esordisce in promozione anche Reina. Così nel finale si può gestire il punteggio. Il Cus Catania invece si riscatta: il 52-42 con cui si impone su Adrano è frutto di una prestazione di squadra, in cui si rivede anche Giorgio Costantino, che torna in campo dopo quasi 10 anni; contro i bianconeri è Siagura il miglior marcatore. Tra gli adraniti, espulso il giocatore-allenatore Mauro Bascetta, migliore marcatore dei suoi.

Giuliano La Mantia e Daniele Famoso

Girone C. La Sales non ha incontrato problemi contro i giovani giarresi di coach Davide Vasta: l’82-52 matura al termine di quaranta minuti di marca verdenera. Coach Carmelo Gullotti ritrova capitan Famoso; la partita la fanno gli esterni Magrì, La Mantia e Failla, con Genovesi topscorer della gara con 17 punti. Dall’altra parte, ne fa altrettanti il sedicenne Simone Russo: non era questa la partita da vincere per il CP Giarre, che punta a questo punto al secondo posto nel girone. La concorrenza si chiama Libertas Fiumefreddo: i biancoverdi di coach Donato Saggese hanno avuto ragione dei giovani di Aci Bonaccorsi senza grandi patemi. Il 64-36 finale matura anche grazie all’ottima vena di Luca Scandurra, autore di un ventello; dall’altra parte, Gaetano Gorgone costruisce e Fallico e Reale finalizzano, ma non bastano per chiudere con uno scarto meno pesante.

Roberto Quartarone

Be the first to comment

Leave a Reply

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*