Basket, U14/m: finali regionali

La finale regionale tra Banca Nuova Trapani e CUBS Catania vinta dai trapanesi, a +24 sui catanesi.

Banca Nuova-Ragusa 95-74
PalaCus 1 di Catania, 24 maggio, 17:00

Banca Nuova Trapani U14: Brucculeri 13, Galia 8, Imbr 16, Ingrassia 2, Morici 3, Di Vita 17, Gentile 8, Solina 5, Cardella 17, Pizzo, Castiglione, Alfonzo 6. All.: Monaco.
Basket Ragusa U14: Cass 4, Nobile 2, Piccitto, Parrino 14, Iurato 11, Miano ne, Pellegrino, Marinelli 6, Ferrisi, Canzonieri 12, Emmolo 25, Girgenti. All.: Scrofani.
Arbitri: Guarrera di Riposto e G. Luca di Catania.
Parziali: 31-20, 21-12, 20-17, 23-19.

CUBS-Lions
PalaCus 1 di Catania, 24 maggio, 19:00

CUBS-Banca Nuova 73-97
PalaCus 1 di Catania, 25 maggio, 11:00

CUBS Catania U14: Tolace 8, Accetta 9, Amato, Sardo 1, Costantino 6, Elia 4, Parlato 12, Martello 14, Giacalone 1, Conticchio, Grimaldi 18, DArrigo. All.: Russo.
Banca Nuova Trapani U14: Brucculeri 9, Galia 5, Imbr 33, Morici 8, Di Vita 8, Gentile 1, Solina 3, Cardella 17, Pizzo, Castiglione 6, Letizia 3, Alfonzo 4. All.: Monaco.
Arbitri: Alcoraci e Tarascio di Priolo Gargallo.
Parziali: 19-30, 20-17, 16-23, 18-27.

Gaetano Russo
NERVOSO. Gaetano Russo, 48 anni, tecnico del CUBS espulso per proteste nella finale [N.Urz].

Il Basket Trapani under-14 conquista il titolo regionale di categoria con una doppia vittoria nel concentramento di Catania. I trapanesi di Cristoforo Monaco hanno battuto il Basket Ragusa e hanno poi piegato dopo un intenso confronto il CUBS Catania. Nelle semifinali, Ragusa e Porto Empedocle hanno ricoperto il ruolo degli sparring partner, venendo surclassate dalle due finaliste.

Il Basket Trapani ha vinto di venti punti sul Basket Ragusa, ma lo scarto avrebbe potuto essere maggiore se Di Vita e compagni non avessero subito un paio di cali di concentrazione. Mentre Trapani ha messo in mostra soprattutto Cardella e Di Vita, nel Ragusa si segnalato un grande Emmolo, topscorer e trascinatore della squadra. Nell’altra semifinale, la vittoria stata ancora pi netta e ancora pi scontata sin dal primo periodo. Ci si aspettava qualcosa di pi dalla Lions Porto Empedocle, che ha ceduto di schianto dopo aver concluso a punteggio pieno le prime due fasi del girone agrigentino.

La finale tra Catania e Trapani stata decisamente pi interessante, sotto molti profili. Sotto il profilo tecnico, si sono viste delle azioni molto ben costruite da parte del Basket Trapani. Soprattutto i contropiedi dei granata hanno messo in ambasce pi volte la difesa fisica e tenace del CUBS Catania, che ricorsa a ben trentuno falli, con il capitano Costantino e Conticello che sono stati costretti ad uscire anzitempo per cinque falli. Anche i biancorossi locali, per, hanno dato filo da torcere ai trapanesi, che hanno fatto cinque falli pi dei catanesi. I ragazzi di Gaetano Russo hanno lottato su tutti i palloni, su tutti i rimbalzi, finendo sempre in un corretto scontro con gli avversari: la loro forza saltata fuori proprio nelle palle recuperate e nella difesa schierata.

Sul piano fisico, la superiorit dei trapanesi era fin troppo netta. Il trio di lunghi Imbr-Cardella-Alfonzo ha dominato sotto canestro, dove Accetta, Sardo e Grimaldi hanno visto pochissimi rimbalzi, sia offensivi che difensivi. In regia, Castiglione e Gentile erano delle spine nel fianco degli esterni catanesi. Costantino andato pi volte in difficolt in costruzione della manovra, Parlato non gli ha saputo dare una mano e ovviamente il gioco non stato all’altezza di quello degli avversari. Sul piano mentale, Trapani ha dimostrato di essere una squadra che gioca in tranquillit, gestendo bene i vantaggi e non demoralizzandosi nelle rimonte avversarie; il CUBS invece crollato anche sul quel punto, perdendo nell’ultimo periodo il tecnico Gaetano Russo, espulso per proteste.

Fino a quel momento, tuttavia, la partita non si poteva dire chiusa. Sin dai primi minuti si viveva su continui cambi di fronte: andato avanti il CUBS, poi Trapani ha preso il largo sul finire del primo periodo e ha controllato la gara fino all’inizio del secondo. Al rientro dall’intervallo lungo l’ottimo Martello (limitato molto dai falli, cos come Sardo) apre alla rimonta che porta sul -5 i catanesi. Imbr gli risponde con due triple e chiude la pratica. Grimaldi l’ultimo che si d per vinto, ma alla fine c’ solo spazio per far dilagare i trapanesi, che sfiorano i cento punti. Imbr stato il migliore in assoluto, non solo per i trentatr punti, ma anche e soprattutto per la mole di gioco che ha costruito. Martello stato il pi positivo tra i giocatori di casa.

Roberto Quartarone

Gaetano Russo
CAMPIONI SICILIANI. Ecco la formazione del Basket Trapani, campione regionale under-14 [G.Solina].

1 Commento

  1. martello nervoso nei 3 quarti iniziali,commette tante ingenuit che portano costantemente il trapanese imbr in lunetta.Gravato subito di 4 falli esce e guarda gran parte della finale dalla panchina,salvo rientrare per l’ultimo quarto dove,accecato dalla voglia di mettersi in mostra non degna di uno sguardo i compagni soli in contropiede,pronti a far canestro.Quindi spendo tre aggettivi:egoista,nervoso e ingenuo.Ingenuo,perch appena rientrato pensa di poter cambiare la partita,ma si scorda di un semplice dettaglio,non si chiama Matteo Imbr

1 Trackback / Pingback

  1. CORRIDOIO, porte d'interferenza » Tiri liberi – 28 luglio

Leave a Reply

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.