L’aura di Belinelli decisiva al torneo Gap Catania

Vincono i Tre uomini e una gamba: Moschitto, Alongi, Parisi e Rabuazzo… Più squadre, più spettacolo, più musica… Vincitori morali e per acclamazione…

Vincenzo Ferrara de I Puffi (foto A. Barbagallo)

Basket, musica, 3×3, arbitraggi strampalati, regole inventate e balletti da villaggio vacanze: il secondo Torneo del Gap Catania ha animato il PalaLeonardo per tutta la giornata di domenica e ha incoronato i Tre uomini e una gamba: Luca Moschitto, Andrea Parisi, Matteo Alongi e Gregorio Rabuazzo hanno sbaragliato la concorrenza, vincendo la finale contro gli Atletico ma non troppo. La palma di squadra rivelazione ce l’ha pero I Puffi, squadra costruita all’ultimo ma capace di arrivare fino alla semifinale, eliminata dai campioni.

Senza i campioni uscenti (Fichera sta a Parma, La Mantia ha smesso i panni di ufficiale di campo, Crisafi era impegnato nel 3×3 a Siracusa) e con una ridotta partecipazione di ragazze anche a causa degli eventi concomitanti, si è riusciti però ad aumentare il numero di squadre (12 iscritte, 10 in campo) e si è giocato un unico girone all’italiana. I risultati a sorpresa non sono mancati, nemmeno lo spettacolo.

Simona Pappalardo dei Beer…Bantelli e Maria Stella Cardea dei Viva la Maria…Stella (foto A. Barbagallo)

La gara del tiro da tre non ha incoronato nessuno, anche se i vincitori morali sono Vincenzo Ferrara da un lato (autore di 8/10 allo spareggio dopo un 2/10 nel primo turno) e Maria Stella Cardea dall’altro (4/10). Mvp del torneo, per acclamazione, è Filippo Patanè, il più esperto in campo e decisivo più volte per I Puffi. L’omaggio a Marco Belinelli di Moschitto e Parisi (che indossavano le maglie del Refresh the Game) ha comunque pagato: l’aura del campione dei Philadelphia 76ers ha infuso a loro, Alongi e Rabuazzo la carica per arrivare fino in fondo.

Mentre il gran maestro Claudio Cosentino si sdoppia tra campo, computer, fischietto e referti, è sempre tempo di mangiare, con cibo e dolci vari. Alla fine ci si è dati l’appuntamento al prossimo anno, sperando di poter ampliare la manifestazione ad altri Gap!

La classifica:

    1. Tre uomini e una gamba (Andrea Parisi, Luca Moschitto, Matteo Alongi, Gregorio Rabuazzo, Claudio Cosentino, Maria Cristina Scaccianoce)
    2. Atletico ma non troppo (Lorenzo Garozzo, Angelo Sapuppo, Davide Tornitore, Daniele Titola)
    3. Dream Team (Giordano Argento, Sebastiano Colosa, Salvatore Colosa)
    4. I Puffi (Vincenzo Ferrara, Filippo Patanè, Alessio Botto)
    5. I Risvoltinati (Gabriel Spampinato, Andrea Crisafulli, Francesco Finocchiaro)
    6. Viva la Maria… Stella (Maria Stella Cardea, Enrico Murabito, Francesco Scuderi, Damiano Cavallaro)
    7. Scannaliato Team (Giulio Scannaliato, Paolo Pulvirenti, Nicholas Ferlito, Antonino Bongiorno)
    8. Vodkacanestro (Michele Cannizzaro, Lorenzo Agosta, Lorenzo Pennisi)
    9. Scarsenal (Daniele Pappalardo, Mirko Piacentino, Andrea Sabato)
    10. Beer…Bantelli (Roberto Quartarone, Simona Pappalardo, Dario Luppino, Salvatore Gulisano, Martina Tarda)

Roberto Quartarone
Twitter: @rojoazul86

Be the first to comment

Leave a Reply

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.