Adrano, che forza in casa! Travolto il Cocuzza

Decisivo Damiano Russo… Il centrone Pesic e il folletto Whatley… Nel secondo tempo il break decisivo… L’Armata Bianconera e il castello-Tenso…

Adrano-Cocuzza 78-59

Adrano Basket: M. Bascetta 11, Amoroso, D. Russo 19, Ricceri 5, D. Bascetta 2, Whatley 27, Bulla ne, Alescio 14, Sangiorgio ne, A. Russo ne. All.: Bonanno.
Cocuzza San Filippo: Vozza 4, Porcino 4, Cassisi 6, Knyza 4, Costa 5, Maida 8, Pesic 25, Dipaola, Cocuzza 3, Marchetta. All.: Li Vecchi.
Arbitri: Giunta e De Cillis.
Parziali: 15-19, 29-28, 50-45.

L’Armata Bianconera

Il terremoto Adrano mette ko San Filippo del Mela. La squadra di coach Bonanno si riscatta pienamente dalla sconfitta all’esordio contro Giarre, giocando 40’ ad altissima intensità, trascinata da un capitan Damiano Russo uscito con i crampi ma autore di quattro triple, di cui tre consecutive nel momento in cui bisognava rimontare. C’è anche Ennis Whatley, il solito folletto americano che riesce a farsi pescare sempre pronto dai compagni, Mauro Bascetta, esplosività e atletismo, e Aronne Alescio, l’innesto che serviva sul perimetro.

San Filippo del Mela inizia molto bene, trascinato dal centrone Pesic e dall’esterno calabrese Maida. Per 20’ si gioca di botte e risposte, con le squadre che attaccano bene e difendono quanto basta. Tutto cambia nel terzo quarto, quando i ragazzi di Bonanno pressano sull’acceleratore e danno un break pesante ai sanfilippesi: dal 29-28 a 48-39. L’intensità adranita fa la differenza, inoltre i bianconeri sono trascinati dalla loro “Armata” di tifosi e i ragazzi di Li Vecchi, dopo l’infortunio di Maida, tirano i remi in barca. Finisce +19, grazie alle iniziative finali di Ennis, nel lungo applauso della Tensostruttura, che si conferma un castello arduo da espugnare.

Roberto Quartarone

da “La Sicilia” del 15/10/2018

Coach Giorgio Bonanno

Vittoria doveva essere e vittoria è stata . Adrano non stecca il debutto alla “Tensostruttura”, Peppino Cocuzza frullato per 78 a 59, primi punti in campionato e sconfitta di Giarre riscattata alla grande. Prestazione al limite della perfezione di Adrano in cui brilla Russo, bombardiere micidiale dal perimetro con 6 bombe messe dentro su 9 tentativi. Percentuali mostruose quelle del capitano adranita che nei momenti di maggiore difficoltà della gara ha tirato sempre il coniglietto dal cilindro. In doppia cifra anche Whatley (27 punti), Alescio (14) e Mauro Bascetta (11). A completare lo score più che positivo i 5 punti di Ricceri e i 2 di Dario Bascetta.

Adrano ha giocato una grande partita. Nel momento, l’unico, di difficoltà, tra la fine del primo e l’inizio del secondo quarto con gli ospiti avanti di 7, i ragazzi di Bonanno non si sono scomposti e con pazienza hanno ricucito lo svantaggio e allungato. Il muro difensivo di Peppino Cocuzza ha retto poco, e male, preso a picconate dai cestiti adraniti da metà del secondo quarto fino a fine match. Bonanno può ritenersi soddisfatto della prova dei suoi: la gestione dei falli è stata buona, mai andati in bonus, le due fasi di gioco pure. Adrano ha sofferto la prestanza fisica di Pesic (2 metri e 06 centimetri), il pivot serbo, 24 punti, secondo miglior realizzatore del match dopo Whatley, ha tenuto a galla i suoi fin quando la condizione fisica degli ospiti non è crollata. La pazienza di Adrano è stata premiata dal bel successo e dalla consapevolezza che anche in serie C in casa nostra ce la giocheremo con tutti. La “Tensostruttura” è il solito inferno ribollente di fuoco con l’Armata Bianconera che ha incitato i nostri per tutti e 40’.

La partenza di Adrano è fulminea con un break di 5-0, grazie alla prima tripla di Russo e al canestro di Ennis. Gli ospiti però piazzano un contro break di 7 portandosi avanti di 2. Il primo quarto va avanti nel segno dell’equilibrio con il parziale che dice 15-19. Secondo quarto e il quintetto di Li Vecchi parte forte allungando sul +7 (15-22). Massimo vantaggio degli ospiti che però viene azzerato da Adrano con i canestri di Mauro Bascetta, Ricceri e Ennis. I messinesi riprendono fiato con Pesic e Cassisi ma Whatley imperversa e l’ennesima bombona di Russo scrive il 29- 28 alla pausa lunga.

Terzo quarto e Russo usa ancora il pallottoliere dal perimetro con due bombe consecutive che vanno meravigliosamente a segno. Gli ospiti iniziano a fare fatica, M. Bascetta, da tre punti, e Alescio trovano la via della retina e i messinesi vanno sotto di 9 a metà quarto. Pesic però non ci sta, lo spilungone serbo mette dentro 3 canestri accorciando il distacco da -9 a -3. Bonanno chiama time out, riordina le idee dei suoi e Whatley chiude il tempo mettendo dentro 3 liberi che chiudono il terzo quarto sul 50-45. Un + 5 che aumenta a inizio dell’ultimo, decisivo, quarto. Russo, tanto per cambiare, mette dentro un’altra tripla, Whatley, Alescio e M. Bascetta vanno a nozze nell’allegra difesa ospite, Ricceri mette dentro anche un tiro libero e Dario Bascetta chiude il tabellino a 78. I messinesi si fermano a 59.

Un + 19 che la dice lunga su come Adrano abbia meritato di vincere. Prima del match, la presentazione di dirigenza e squadra. Presente anche il Sindaco di Adrano Angelo D’Agate che ha portato i saluti dell’Amministrazione alla società adranita del neo Presidente Salvatore Di Stefano. A fine match, invece, il coro è sempre lo stesso:” Alla Tenso non si passa”. E da queste parti lo sentiranno molte squadre avversarie.

ADDETO STAMPA ADRANO BASKET
Davide D’Amico

Be the first to comment

Leave a Reply

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*