Finisce la stagione, la FIP Catania in festa

Adrano ritira tre premi e ne dà uno ~ Il discorso di Maurizio Grasso ~ Sangiorgio elogia le squadre dei campionati nazionali ~ La degna conclusione con gli arancini al pistacchio…

testata

giarre
GIARRE. Carmelo Carbone premia il presidente del Basket Giarre [Basket Catanese].
gangemi
CUGINI. Andrea Gangemi premia… Andrea Gangemi del Mens Sana Mascalucia [Basket Catanese].
greco
ALLA CARRIERA. Una vita nel basket per Alfredo Greco, premiato dall’assessore Nicola Santangelo [Basket Catanese].
grasso
DISCORSO?! Maurizio Grasso si prepara per il lungo discorso; Gaetano Russo immagina lo scherzo e la prende a ridere [Basket Catanese].
Marchesano
A CANESTRO. Il trofeo che Dino De Masi dell’Adrano consegna a Michelangelo Sangiorgio [Basket Catanese].

La cerimonia di chiusura dell’anno sportivo della FIP ha avuto come grande protagonista Adrano. Non solo come città, che ha ospitato la manifestazione, ma soprattutto come squadra, premiata con tre targhe e che a sua volta ha premiato la federazione con un trofeo a sorpresa.

Hanno fatto gli onori di casa l’assessore comunale allo sviluppo economico Nicola Santangelo e il presidente provinciale FIP Michelangelo Sangiorgio, che ha poi chiamato accanto a sé i consiglieri Carmelo Carbone, Andrea Gangemi e Gaetano Russo. Accanto a loro, ha condotto la serata lo speaker ufficiale, Rosario Salanitri, ormai presente a tutte le manifestazioni!

«Siamo qua per celebrare la bella stagione dell’Unifarmed Adrano – spiega Sangiorgio –, così come l’anno scorso eravamo ad Acireale. La partecipazione ai play-off di quest’anno è figlia diun lavoro che è iniziato da più di dieci anni e ora sta portando i suoi frutti. Certo, se il campo fosse migliore…» L’assessore non si fa pregare e risponde subito: «Lo Sporting Club è un fiore all’occhiello della città, creeremo le condizioni economico-strutturali affinché la pallacanestro ad Adrano sia sempre più importante.» E il presidente della società, Rosario Menza, ringrazia.

Ciascun consigliere provinciale sottolinea poi un aspetto diverso della stagione appena conclusa. Carbone ricorda l’aumento della partecipazione delle squadre catanesi a tutti i livelli e i loro buoni risultati; Gangemi sottolinea come la passione ci sia sempre, anche per chi torna a giocare a quarant’anni, e che si tenterà di fare sempre meglio; Russo fa un accenno a Camillo Sgroi, uno dei premiati, affermando che dopo la fine del suo lavoro nelle giovanili c’è stato un vuoto che si sta riempiendo solo da un paio di stagioni a questa parte.

Poi tocca alla sfilata dei premiati. Prima lesquadre giovanili che hanno vinto i campionati organizzati dal comitato catanese, poi i centri giovanili che si sono distinti durante la stagione e infine l’Eurovirtus, l’unica società catanese promossa in una serie superiore, dalla Promozione alla D. Seguono le maggiori società maschili e femminili, con il presidente che ha una buona parola per tutti: la speranza di proseguire su questa strada per la Pallacanestro Catania; il mix giusto per la stagione esaltante delloSporting Club Adrano; l’esempio che dà una società storica come il Basket Acireale; la dignità e la sfortuna che hanno accompagnato le ultime stagioni della Rainbow Catania.

E ci sono anche i premi ad personam: per gli storici Diomede Tortora, Carmelo Viola, Enzo Molino (assenti), Camillo Sgroi, Gerardo Liguori e Alfredo Greco. I tre presenti prendono i complimenti di tutti: Sgroi per l’esempio che ha dato, Liguori per l’attività giovanile, Greco perché c’è da oltre quarant’anni ed è il motore della femminile. Seguono i singoli giocatori, cioèMaurizio Grasso dell’Adrano, che minaccia di dilungarsi in un infinito discorso ma poi la prende a ridere, Roberto Saccà della Pallacanestro Catania, Damiano Cantone del Basket Acireale, Deborah Brunidell’Elefantino Catania e Giulia Messina della Lazùr Catania. Infine, l’allenatore delle giovanili dell’Adrano Fabio Schisano, sostituito per l’occasione dall’assistente.

Un ultimo riconoscimento va alle testate sportive, La Sicilia, Antenna Sicilia, Giornale di Sicilia e Basket Catanese, e ai tesserati CIA Stefano Ricci (arbitro), Manuela Russo(ufficiale di campo) e Fabio Fichera (miniarbitro). E per mettere la parola fine alla cerimonia, Dino De Masi dell’Adrano consegna un bellissimo trofeo alla federazione provinciale, come ringraziamento del lavoro svolto. Il tutto si conclude nel rinfresco in cuil’hanno fatta da padrone gli arancini al pistacchio. Infine, come ha detto Sangiorgio nel discorso iniziale: «È una conclusione che ci proietta all’anno prossimo, sperando tutti di poter fare meglio.»

Roberto Quartarone

Vedi anche:
La FIP provinciale premia tre volte l’Adrano
La FIP Catania premia ad Adrano

1 Trackback / Pingback

  1. CORRIDOIO, porte d'interferenza » Adrano lavora per la prossima stagione

I commenti sono bloccati.