Re: «Queste sono le radici dell’Humana»

Il capitano del San Luigi spiega com’è nata la nuova squadra… «Corallo, un mentore»… Il pubblico e i programmi futuri…

La formazione dell’Humana San Luigi Acireale: in piedi Garozzo, Re, Privitera, Torrisi, Signorelli, il dirigente Pennisi, Maugeri, Rizzo, Spada, Pistarà e l’allenatore Corallo; seduti Marino, Raciti, la vice presidente Castro, Rapisarda e Spada.
La formazione dell’Humana San Luigi Acireale: in piedi Garozzo, Re, Privitera, Torrisi, Signorelli, il dirigente Pennisi, Maugeri, Rizzo, Spada, Pistarà e l’allenatore Corallo; seduti Marino, Raciti, la presidente Castro, Rapisarda e Palma.

Il San Luigi è tornato a scaldare i cuori del pubblico acese amante del basket: la formazione che partecipa alla Promozione si è assestata al secondo posto insieme ad Augusta con il chiaro obiettivo di entrare in zona play-off per la Serie D. La squadra senior è rinata dopo cinque anni di sola attività giovanile, grazie a una nuova società, l’Humana, fondata da un gruppo di ventenni.

«È un’esperienza nata per gioco – spiega Seby Re, capitano della squadra –, volevamo fare qualcosa di “nostro”. Il gruppo è nato sette anni fa e si è consolidato tra Valverde, Aci Bonaccorsi e Zafferana. Affinché il sogno diventasse realtà, ci siamo impegnati tutti, malgrado le difficoltà di autogestione siano infinite: le complicazioni economiche, di gestione societaria, di gestione del gruppo… Ma condivido questo sogno con persone eccezionali e stiamo facendo qualcosa d’incredibile».

Per allenare i biancazzurri è stato scelto Giacomo Corallo, già bandiera del Basket Acireale e da molti anni vicino ai ragazzi. «Giacomo dovrebbe allenare in ben altri campionati, ma da sette anni continua a guidarci: è coach, fratello, amico… un mentore. Con lui non si è creato un gruppo, ma una famiglia: è la cosa più bella!»

I risultati stanno arrivando: «Sudiamo e lottiamo per il piacere di stare insieme – afferma il capitano –, la sicurezza del gruppo si riflette sui risultati, la miscela che creiamo è speciale. Se arrivassero i risultati, sarebbero la ciliegina sulla torta, ma ragioniamo di partita in partita. Se dovessimo arrivare fino in fondo, troveremo i mezzi se sarà necessario». Solo le prime due squadre del girone partecipano ai play-off e solo una squadra andrà in Serie D: la strada è comunque in salita.

Oltre al risultato sportivo, c’è un’attenzione inattesa da parte del pubblico: «Le partite in casa trasmettono emozioni forti – prosegue Re –: non ci aspettavamo tutte queste persone tra il pubblico! Stiamo riuscendo a trasmettere l’empatia che c’è fra di noi anche all’esterno, amici, fidanzate, famiglie vengono a vederci: è pazzesco».

Tutto questo è stato raggiunto dividendosi tra Acireale e Aci Catena: «C’è solo da dire grazie al San Luigi che ci dà la disponibilità del campo per le partite – chiude –, abbiamo avuto fortuna di trovare lo spazio per gli allenamenti ad Aci Catena».

Roberto Quartarone
da La Sicilia del 28 gennaio, p. 33

Be the first to comment

Leave a Reply

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*